Cieca da 8 anni per l’Inps, scoperta a guardare le vetrine: denunciata

Una donna di 60 anni residente a Pinerolo si è finta cieca per anni riuscendo a percepire indennità dall'INPS per oltre 235 mila euro. Scoperta dalle Fiamme Gialle, la finta invalida è stata denunciata per truffa aggravata e continuata ai danni dell'INPS.

di Simona Vitale 17 Febbraio 2012 12:08

Per oltre 8 anni, Agata, 60 anni, originaria di Castelbuono, un paese in provincia di Palermo, ma residente a Pinerolo con il marito, è riuscita ad ingannare tutti percependo dall’INPS ben 235 mila euro. La donna, secondo le indagini delle Fiamme Gialle di Pinerolo, è riuscita a far credere ai medici di essere completamente cieca, ottenendo così dall’INPS assegni di invalidità e indennità di accompagnamento per anni. La truffa è stata però scoperta dalla Guardia di Finanza di Pinerolo e la donna è stata denunciata per truffa aggravata e continuata ai danni dell’INPS. Sulla base della denuncia, inviata dalle Fiamme Gialle alla magistratura alla fine dello scorso mese di novembre, come reso noto oggi dalla Guardia di Finanza, per poter garantire il risarcimento all’Erario dei 235 mila euro indebitamente percepiti, ben 6 immobili di proprietà della donna e il conto corrente sul quale venivano accreditate le somme di denaro percepite per mezzo della truffa.

Le Fiamme Gialle hanno svolto un accurato lavoro di indagine riprendendo la donna mentre attraversava trafficati incroci stradali. Agata  si fermava ai semafori, guardava le vetrine, andava a far la spesa al mercato controllando accuratamente i prezzi, saliva e scendeva con disinvoltura le scale. Ogni residuo dubbio riguardo alla sua invalidità è letteralmente crollato grazie ad alcune azioni mirate ad hoc. La signora e’ stata infatti indotta a scansare un passeggino spinto da un finanziere senza uniforme e a firmare senza mostrare alcun tipo di difficoltà, un verbale per uno scontrino fiscale di cose comprate al mercato. Agata, inoltre, al polso portava anche l’orologio.

Dopo la notifica del provvedimento alla donna emesso dal gip del tribunale di Pinerolo, Alberto Giannone, di sequestro di tutti suoi beni: alloggi e conto corrente, Agata, denunciata per truffa si è chiusa nel più totale silenzio, sebbene le immagini dei video finite sul tavolo del Sostituto Procuratore Ciro Santoriello dicano già tutto.

Commenti