Cercano di seppellire neonata viva: volevano figlio maschio

Due uomini, padre e zio, della piccola sono stati arrestati con l'accusa di tentato omicidio.

di Simona Vitale 11 Maggio 2012 11:10

Notizia scioccante quella che ci giunge dall‘India, dove un padre e uno zio di una bambina di due mesi sono stati arrestati a Pilkhuwa, ad una 40ina di chilometri da New Delhi, per aver messo in atto un vero e proprio rito tantrico, seppellendo viva la piccola per avere così in famiglia un figlio maschio. La terribile vicenda è stata confermata dal sovrintendente di polizia della località S.Kiran, precisando che l’allarme è stato dato dall’impiegato di un crematorio che ha visto i due uomini scavare una fossa. L’uomo ha però assicurato che quello che avevano con loro non era un cadavere, ma una bambina ancora viva, avvolta in una coperta e che piangeva disperatamente.

Giunta sul posto la polizia ha constatato che tutto era pronto per compiere un vero e proprio rito tantrico, con il sacrificio della bambina che avrebbe portato in primis un figlio maschio in famiglia e poi prosperità. La bambina è ora ricoverata in ospedale in terapia per un grave stato di denutrizione, mentre il padre e lo zio sono stati arrestati con l’accusa di tentato omicidio. A consigliare il rito tantrico sembra che sia stato un uomo, Champi, una sorta di guru, latitante ed attualmente ricercato dalla polizia.

Da dire è che l’episodio conferma quella che è la realtà dell’India che presenta il più alto tasso di mortalità infantile femminile al mondo e dove, soprattutto nelle zone più arretrate del Paese, la nascita di una figlia sarebbe considerata una vera e propria disgrazia per l’economia della famiglia. Da tempo il Governo cerca di mettere la parole fine agli infanticidi, tanto che  che negli ospedali di tutto il paese i sanitari non possono rivelare il sesso dei nascituri durante le ecografie, onde evitare che atrocità del genere possano verificarsi, portando al sacrificio di una bambina innocente, avente la sola colpa di essere nata in India.

Tags: india · neonata
Commenti