Censis, cala il consumo di alcol, ma è eccessivo il consumo dei giovani

Il consumo di alcol sarebbe in diminuzione fra gli italiani, in aumento solo un consumo moderato; tuttavia è preoccupante la tendenza fra i giovani ad esagerare durante il week end insieme agli amici.

di Vincenzo Avagnale 29 Ottobre 2011 11:15

Secondo il Censis si beve meno e con moderazione, ma i giovani durante il week end si sballano un po’ troppo e credono che sia giusto bere tutto il possibile per spassarsela insieme agli amici. Sembra che i meccanismi di autoregolazione giovanili siano un po’ in tilt, addirittura il 75% dei consumatori di alcol giovanili è di questa opinione.

Oggi come 20 anni fa’  tre giovani su 4 tra i 15 ed i 24 anni si definiscono consumatori di alcolici. Il 59% dice di bere birra, il 40% vino, il 40% aperitivi, il 30% super alcolici. Il consumo di birra è un pochino aumentato, mentre è diminuito quello di vino, il primo del 10%, mentre il secondo del 20%. Una conseguenza del bere “fuori posto“, cioè fuori da pasti oppure prima di ballare in discoteca. Negli ultimi anni sono sensibilmente diminuiti i ragazzi che hanno provato il Binge Drinking (cioè bere almeno 5 bicchieri di superalcolici fuori dai pasti), dall’86,3% del 2005 all’83% del 2010.

Secondo il presidente del Censis, Giuseppe De Rita, ritiene che: “non bastano né la buona volontà né i servizi di prevenzione: i giovani non vi si rivolgono.  Occorre invece procedere con ricerche scientifiche e relativa comunicazione. Sulla droga sappiamo tutto, ma sullo sballo da alcol non sappiamo niente.”

In merito il vicepresidente della Commissione Affari sociale della Camera, Carlo Ciccioli (del Pdl), ha detto: “non si combatte con il proibizionismo, ma con la sensibilizzazione al consumo consapevole nelle fasce più a rischio”. Insomma un’educazione al consumo responsabile di alcolici, attraverso le scuole per veicolare il messaggio, ma poi passando per le famiglie, cioè per dare autorevolezza al messaggio.

Questo tipo di campagne potrebbe quindi arrivare la dove leggi che modificano il codice della strada e forze di polizia per la repressione non sono arrivate: insegnare ai giovani a consumare gli alcolici responsabilmente. La sfida è quindi su un binario che necessiterà anni per vedere dei risultati, non ci resta che aspettare.

Tags: alcol · giovani
Commenti