Breivik, il mostro della Norvegia trasferito in un carcere di "lusso"

di Simona Vitale 28 Luglio 2011 11:27

Anders Behring Breivik, il mostro della Norvegia – colui che ha distrutto le vite di decine di giovani in un attentato terroristico senza precedenti per il paese, da sempre emblema emblema di civiltà e democrazia – rimarrà in isolamento, ma quasi sicuramente  in un carcere di “lusso”.

Il terrorista sarà così mandato nel carcere di Halden, vicino Oslo. Un carcere “modello”, inaugurato lo scorso anno da Re Harald e costato circa 170 milioni di euro. 

Breivik avrà probabilmente a disposizione nella sua “cella” un televisore a schermo piatto, un lettore DVD e un mini bar. Inoltre nel carcere i detenuti potranno prendere lezioni di cucina per diventare chef, ai fini di  un eventuale reinserimento sociale, nonchè avranno a disposizione anche una sala di musica.

Il carcere è completamente immerso nel verde, è dotato di palestra e percorso jogging, non ci sono sbarre alle finestre delle celle e le guardie girano disarmate. Quasi una sorta di oasi felice per l’attentatore che nei primi tempi del suo “soggiorno carcerario” sarà severamente sorvegliato a vista, giacchè si teme un suo ipotetico suicidio.

Commenti