Appalti G8, la “cricca” rinviata a giudizio. Bertolaso: “Sono innocente”

di Gianni Monaco 24 Settembre 2011 20:35

Il gup di Perugia Claudia Matteini ha rinviato a giudizio 18 persone in relazione all’inchiesta sugli appalti del G8. Vengono contestati, a vario titolo, i reati di corruzione e associazione a delinquere. Tra coloro che saranno processati il 23 aprile del 2012 vi sono l’ex numero uno della protezione civile Guido Bertolaso, l’ex presidente del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici Angelo Balducci e l’imprenditore Diego Anemone. Per l’accusa vi sarebbe stato uno scambio di favori e corruzioni tra imprenditori e pubblici ufficiali allo scopo di pilotare l’assegnazione degli appalti per i Grandi Eventi. Oltre a regali quali auto e orologi, sarebbe state utilizzate anche escort per corrompere i dirigenti della pubblica amministrazione.

Indubbiamente il nome più illustre è quello di Guido Bertolaso, la cui figura è indissolubilmente legata al post terremoto dell’Aquila. Il dirigente si è sempre dichiarato innocente e ha detto di essere vittima di una “macelleria mediatica”. “Dovrò attendere anni per avere quella giustizia che oggi mi è stata negata“: così Bertolaso ha commentato la decisione del giudice per l’udienza preliminare di Perugia

Commenti