5 vittime della combustione umana spontanea

Inspiegabili e misteriosi casi di persone che sono rimaste vittime di fiamme che apparentemente almeno non hanno avuto alcuna origine esterna.

di Simona Vitale 3 Dicembre 2013 10:16

3. Il cavaliere che vomita fuoco dopo aver bevuto due calici di vino

http://beforeitsnews.com/paranormal/2013/09/spontaneous-combustion-in-italy-2456164.html

La prima menzione di combustione umana spontanea nella storia appartiene a un cavaliere italiano, Polonus Vorstius, che visse durante il regno della regina Bona Sforza nel 15 ° secolo a Milano, Italia. Il cavaliere era noto per aver consumato “due mestoli di vino forte.” Sentiva la nausea e iniziò a vomitare il fuoco che alla fine ha consumato tutto il suo corpo. Nessun altro, compresi i suoi genitori, furono colpiti.

4. Agente di vendita sopravvive a combustione spontanea

http://io9.com/5855700/10-cases-of-spontaneous-human-combustion

Il venditore porta a porta Jack Angel si dice sia sopravvissuto ad un caso di combustione umana spontanea. Nel 1974, Jack si addormentò nel suo camper a Savannah, in Georgia. Ha dormito per diversi giorni, e quando si svegliò, il braccio e la schiena erano coperti di ustioni. C’era anche un buco, segno di bruciatura sul petto. Si guardò intorno e non vide altra prova del fuoco all’interno del camper e gli abiti che indossava erano intatti. Terrorizzato, lasciò il camper e si diresse verso un vicino albergo dove crollò. Quando si svegliò in ospedale, i medici sconcertati potevano solo dirgli che le bruciature sembravano provenire dal suo braccio sinistro. 

5. Il coroner dichiara ufficialmente che un uomo è morto a causa della combustione spontanea

Nel 2010, il 76enne Michael Faherty è stato trovato bruciato a morte nella sua casa in Irlanda. I vicini sono stati svegliati dal suono di un allarme per il fumo e dalla vista del fumo pesante proveniente dalla casa di Faherty. Egli è stato trovato disteso sulla schiena vicino a un camino. L’unico danno che è stato trovato è stato solo quello relativo al suo corpo e al soffitto e al pavimento sotto di lui. Il fuoco non si era diffuso altrove e non sono stati trovati acceleranti. Gli investigatori hanno anche concluso che il fuoco nel camino non è stato la causa della morte di Faherty. Dopo l’autopsia di Faherty, il medico legale ha concluso: “Questo fuoco è stato accuratamente studiato e giungo alla conclusione che questo si inserisce nella categoria di combustione umana spontanea , per i quali non esiste una spiegazione adeguata. ” 

Commenti