Obama alla Niaf in italiano “viva l’Italia!”

Il presidente americano rincuora gli italoamericani della Niaf, l'associazione che protegge e diffonde la cultura italiana negli Stati Uniti. Sorprende e merita applausi a non finire il saluto di Obama in italiano: "viva l'Italia".

di Vincenzo Avagnale 30 ottobre 2011 11:10

La National Italian American Foundarion (Niaf) è stata fondata nel 1975 come un’organizzazione senza fini di lucro e senza alcuna vocazione politica. Il suo unico scopo è rappresentare i 20 milioni di italoamerica che vivono ad oggi e nel futuro negli Stati Uniti d’America. La sua sede legale si trova a Washington D.C. cioè a pochi passi dalla Casa Bianca. con cui ha sempre avuto una stretta collaborazione. Una collaborazione che viene perpetuata dalla partecipazione di Barak Obama al trentaseiesimo Gala annuale della Niaf che si è svolto nel salone dell’Hilton di Washington.

La Niaf si prefigge di mantenere vive e vitali la cultura, le tradizioni ed il patrimonio di valori dell’Italia e soprattutto il contributo dato dagli italiani nello sviluppo e nel progresso degli Stati Uniti. Le sue attività principali sono volti ad organizzare congressi e conferenze su scala nazionale sulla lingua e cultura italiana. Proporre borse di studio. Monitorare e combattere quei mass-media che diffondono un’immagine negativa sugli italoamericani, ma anche promuovere i rapporti culturali ed economici tra Italia e Stati Uniti.

Fra l’associazione, il Congresso degli Stati Uniti e la Casa Bianca stessa c’è sempre stata una forte collaborazione, basata spesso su politici di origine italoamericana, ma anche attraverso i rapporti con le imprese e la politica dello stivale stesso. Una collaborazione che affonda quindi le sue radici nell’economia, ma che ha avuto occasione anche di ampliarsi nella cultura e tradizioni italiane.

Il presidente americano ha pronunciato parole in cui ha definito la comunità italoamericana fondamentale per l’identità stessa del paese, che sarebbe certamente diverso e peggiore senza questo inestimabile contributo, acquisito anche con sacrificio di milioni di migranti. Il suo intervento è stato molto atteso, infatti all’ultima kermesse Obama aveva partecipato solo con un video messaggio ben augurale. Obama ha inoltre sorpreso tutti i presenti con un “viva l’Italia” in lingua originale, che ha scatenato un applauso durato dieci minuti.

5 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: obama
Commenti