La ninfomane che imprigionava uomini trovata morta nel suo letto

Antje Crapnik, 47 anni, è stata rinvenuta priva di vita dal suo ultimo amante nella sua casa di Monaco di Baviera. Era stata arrestata nello scorso gennaio.

di Simona Vitale 4 dicembre 2012 15:26

Una donna ninfomane tedesca, arrestata all’inizio di quest’anno per aver imprigionato degli uomini costringendoli ad avere dei rapporti sessuali, è stata trovata morta nella sua casa di Monaco di Baviera. Antje Crapnik, 47 anni, come riferisce il DailyMail, ha occupato le pagine dei giornali quando ha ridotto gli uomini a dei balbettanti relitti dopo averli bloccati nella sua casa. La prima vittima della donna si è lamentata del fatto che lei lo ha costretto a rapporti sessuali otto volte prima di essere riuscito a scappare via da un balcone con addosso esclusivamente della biancheria intima. Un’altra vittima, un uomo africano di 36 anni, è stato trovato che piangeva in strada davanti alla sua casa dopo una prova estenuante della durata di ben 36 ore.

La donna è stata trovata morta dal suo ultimo amante nella sua casa di Monaco di Baviera. Ricordando il suo incontro con la signorina Crapnik, l’uomo ha raccontato: “L’ho incontrata su un autobus. Mi ha invitato a tornare qui. Oh Dio, è stato un inferno.” L’uomo, che era vicino di casa di di Antje, chiamò la polizia per denunciare la sua morte, quando si è svegliato trovandola senza vita accanto a lui. L’uomo ha raccontato: “Sapevo che qualcosa non andava perché di solito fare sesso era la prima cosa che voleva al mattino”. L’autopsia determinerà qual è stata la causa della morte e se il suo desiderio sessuale insaziabile ha avuto a che fare con essa.

La sua prima vittima è stata Dieter Schulz, 43 anni, incontrato in un bar nel centro della sua città natale. Lei lo portò nel suo appartamento, nel quale hanno fatto sesso molte volte. Ma quando la donna ha chiesto di più, l’uomo esausto detto di no. Un portavoce della polizia ha detto: “Ha soddisfatto i desideri della donna, un altro paio di volte in modo da poter finalmente lasciare l’appartamento. Ma quando ha continuato a rifiutare il sesso e ha chiesto ancora di più da lui, è fuggito sul balcone“. Schulz ha telefonato alla polizia e chiesto assistenza. “Sta cercando di uccidermi con il sesso. Non riesco a uscire e non posso andare avanti”, avrebbe detto l’uomo agli agenti. Quando la polizia giunse in soccorso dell’uomo, pare che la donna abbia invitato due ufficiali a unirsi a lei a letto per una ‘sveltina’, ma loro hanno declinato. Dopo l’arresto Antje fu portata in un ospedale psichiatrico per una valutazione del suo stato di salute mentale. Prima di morire la donna ha parlato con sua madre al telefono di come il 2012 fosse stato un anno pessimo, confidando in tempi migliori.

84 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti