Zuleika Closs, la donna incinta allergica al proprio bambino

Con stupore, la 26enne ha scoperto di avere l'herpes gestationis (o pemfigoide gravidico) che colpisce una donna incinta su 2 milioni in tutto il mondo.

di Simona Vitale 13 Dicembre 2012 21:59

Una giovane madre che aveva delle brutte vesciche su tutto il suo corpo è rimasta letteralmente scioccata nello scoprire che aveva un’allergia rara al suo bambino. Zuleika Closs, 26 anni, aveva bruciore e prurito in tutto il corpo quando era incinta di 20 settimane del figlio Emmanuel, come riferisce il Daily Mail. La madre, di Falmouth, Cornovaglia, ha detto: “In un primo momento, sembrava che stesse strisciando sulla mia pelle, ma poi è diventato insopportabile. Le bolle sembravano orticaria in un primo momento, ma poi si sono diffuse molto velocemente e divenute rosse e scure. I miei piedi erano i peggiori. Ho grattato così forte che continuavano a cadere grossi pezzi di pelle. Si stavano staccando come bucce d’arancia”.

Dopo che antibiotici e una lozione alla calamina non hanno contribuito ad alleviare il prurito, i medici hanno erroneamente diagnosticato una grave forma di scabbia e le ha dato un insetticida da usare. Le è stato anche detto di bollire tutti i suoi vestiti e mettere le scarpe in freezer, ma senza alcun risultato. “Mi prudeva così tanto, finivo per grattarmi nel sonno. Ero esausta e non potevo farci fronte. Mi ricordo in piedi in sala d’attesa implorando i medici per avere aiuto. Avrei sbattuto la testa contro il muro, perché nulla funzionava. Credo che pensassero che fossi una donna incinta in preda agli ormoni”.

Il compagno di Zuleika, Nathan Darbyshire, 23 anni, un assistente, ha perso il lavoro per il pericolo – rivelatosi poi falso – di passare la scabbia ai colleghi e pazienti. Dopo la nascita del piccolo Emmanuel l’eruzione cutanea svanì, salvo poi tornare poco tempo dopo.

Solo uno dei tanti medici è stato in grado di individuare il problema della 26enne, diagnosticandole una gravidanza “auto-immune”. Tale malattia, scientificamente chiamata pemfigoide gravidico o herpes gestationi, è stimata in un caso ogni 2 milioni in tutto il mondo. Praticamente il corpo della giovane donna stava avendo una reazione allergica al feto che portava in grembo. Zuleika ha dichiarato: “Non riuscivo a credere a quello che stava dicendo. Ero allergica alla mia gravidanza. Sembrava proprio strano”.

Quattro mesi dopo la nascita del piccolo, l’eruzione è progressivamente scomparsa, ma i segni sul suo corpo rimarranno per sempre.

L’herpes gestationis è causata dal tessuto placentare che entra nel flusso sanguigno e la madre sta ora reagendo con il suo sistema immunitario. La condizione è in remissione, ma diverse cicatrici rimarranno sul suo corpo a causa delle bolle scure.

Zuleika ha detto: “Ci sposiamo a maggio, ma dovrò trovare un vestito che copra le mie cicatrici. Penso anche di voler dare un fratellino a Emmanuel, ma il futuro mi spaventa”.

Secondo Nina Goad, dell’Associazione britannica dei dermatologi:

La pemfigoide gestazionale è una rara malattia nelle donne in gravidanza che si verifica dopo 13 settimane di gestazione. Sembra che si sviluppi con un prurito a delle bolle. Questo significa che il sistema immunitario della madre inizia a reagire contro la sua pelle causando formando le bolle. Noi pensiamo che una parte del tessuto placentare entri nel flusso sanguigno della madre e provochi il suo sistema immunitario inducendolo a reagire e causando la formazione di vesciche. Ormoni femminili, come gli estrogeni in particolare, si pensa possano aggravare la reazione. Purtroppo la PG non può essere curata, ma può essere alleviata con il trattamento. I sintomi spesso migliorano verso la fine della gravidanza, ma l’80% delle donne sperimenta un ritorno del rash dopo il parto. Nella maggior parte dei casi i sintomi si risolvono dopo giorni o settimane dal parto, ma in alcune donne la malattia può rimanere attiva per mesi o anni, inducendo i medici a non interrompere il trattamento.

Commenti