Violenta e uccide una ragazza, 17enne sepolto vivo con la sua vittima

Santos Ramos è stato legato mani e piedi e gettato nella fossa da un'ottantina di persone che hanno deciso di farsi giustizia privata.

di Simona Vitale 8 giugno 2013 10:33

Un ragazzo di 17 anni del vilaggio boliviano di Coquechaca, accusato di aver stuprato e ucciso una ragazza, è stato catturato da un gruppo di abitanti e sepolto vivo nella fosse dove già stava giacendo anche la sua vittima. I media locali hanno reso noto quella che è stata la tremenda vendetta messa in atto da un gruppo di circa 80 persone nei confronti di Santos Ramos. Gli abitanti del villaggio lo hanno legato mani e piedi e lo hanno poi gettato nella fosse insieme alla donna.

Alcuni giorni prima a Tres Cruces, non molto distante da Coquechaca, due persone che avevano ucciso il proprietario di un taxi sono state a loro volta assassinate. Le autorità locali si sono dette preoccupate di quello che sembra essere un fenomeno in costante crescita, ovvero la messa in atto della giustizia comunitaria in quelle zone dove la Magistratura sembra avere una funzione del tutto marginale.

Oltre 300 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti