Sudafrica, 11 milioni di profilattici rimandati in Cina perchè… troppo piccoli

di Simona Vitale 18 Settembre 2011 11:47

A chi (adulti si intende..) non sarà mai capitato di affrontare discorsi sulle cosiddette “dimensioni“? Contano o non contano? E mai, sia parlandone tra amici, che affrontando l’argomento anche nell’ambito vero e proprio della sessuologia, si è giunti ad una verità definitiva.

Eppure… in alcuni casi è davvero facile comprendere la realtà delle cose.

Il Sudafrica aveva ordinato ad una ditta cinese 11 milioni di profilattici, che i cinesi erano solertemente pronti a consegnare.

Tuttavia è arrivata la sentenza di un giudice sudafricano che ha bloccato la transazione perché… i preservativi erano troppo piccoli per il Sudafrica.

La vicenda, apparentemente divertente, è in realtà molto seria. La transazione è stata bloccata da una ditta sudafricana concorrente di quella cinese. Parliamo della Sekunjalo Investments Corporation, che essendo originaria del Paese, è ben conscia dell’effettiva “lunghezza” necessaria.

Essendo il Sudafrica il paese con più contagiati da HIV al mondo, la ditta sudafricana produce profilattici più lunghi del 20% rispetto a quella cinese, ed il giudice ha stabilito che a maggior lunghezza corrisponde maggior sicurezza.

I profilattici cinesi sarebbero troppo piccoli per essere omologati dall’Oms. Forse adesso sappiamo che le dimensioni contano… e anche a chi appartengono quelle “maggiori”!

Tags: cina · sudafrica
Commenti