San Faustino, le origini della festa dei singles

Le origini del martirio e la semantica del nome di buon augurio per trovare l'anima gemella.

di fabiana 15 febbraio 2019 8:00

Dopo il 14 febbraio, il giorno di San Valentino dedicato agli innamorati e alle coppiette, il 15 febbraio si festeggia invece San Faustino, da sempre considerato il protettore dei singles in realtà la giornata è dedicata a San Faustino e San Giovita, che era suo fratello: entrambi martiri, i due danti avrebbero subito le persecuzioni al tempo dei romani nel corso del II secolo. 

Le origini della festa sono alquanto confuse, ma la storia legata al martirio racconta di Faustino come il membro di una famiglia molto ricca che ebbe l’opportunità di diventare cavaliere.

Ben presto però si convertì alla religione cristiana: decise di farsi battezzare  predicando la parola di Dio nella zona di Brescia. 

Perseguitato in quando cristiano che non voleva fare sacrifici per gli dei, fu condannato dall’imperatore a morte. 

I leoni che avrebbero dovuto sbranarlo però si sedettero vicino a lui. Allora l’imperatore ordinò che fosse arso vivo, ma anche le fiamme lo risparmiarono. 

Fu invece decapitato e ucciso, con il fratello, il 15 febbraio.

Questa è la leggenda, ma è anche vero che le origini della festa siano da ricercarsi nelle leggende popolari e nel significato del nome stesso: Faustino deriva da “fausto, fortunato” e la giornata concederebbe con la possibilità di avere un incontro propiziatorio per la ricerca dell’anima gemella. 

La spiegazione semantica ed è facile pensare che San Faustino sia diventato il protettore dei singles perché la ricorrenza cadeva esattamente il giorno dopo la festa di San Valentino facendo rima con il nome del santo del 14 febbraio, proprio a differenza di San Giovita. Origini a parte, la giornata del 15 febbraio diventa la giornata ideale scelta dai singles per festeggiare anche se spesso e volentieri i dati confermano che i singles scelgono di partire a cavallo fra il 14 e il 15 febbraio. 

photo credits | instagram

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti