Russia, ragazzini di 10 e 12 anni girano video hard simulando un film osè

di Simona Vitale 15 Ottobre 2011 16:14

Vero è che i ragazzini al giorno d’oggi sono molto precoci, ma questi lo sono stati anche troppo.

Siamo in Russia, a Volsk, cittadina di 70 mila abitanti nella regione di Saratov, sul Volga, dove una ragazzina di 10 anni e un suo compagno di scuola di 12 si sono resi protagonisti di un filmino hard realizzato imitando le scene di un film osè visto in televisione.

I due si sono fatti riprendere nudi in un parco da altri ragazzini della stessa scuola. Il video aveva anche un titolo, ovvero “Ecco come noi facciamo sesso” ed ha avuto enorme successo diffondendosi a macchia d’olio sui cellulari degli altri ragazzini e sulle maggiori reti sociali russe.

Il tutto fino a quando il video non è giunto sul cellulare della madre della “baby pornodiva” , alla quale poco è mancato per avere un infarto.

La donna ha allertato la polizia nella convinzione che la giovane figlia fosse rimasta vittima della violenza sessuale del 12enne, ma quando gli investigatori le hanno raccontato la verità, ha dovuto arrendersi all’evidenza. Nessun abuso, nessuna violenza, solo esibizionismo ed emulazione, non sappiamo quanto consapevole.

I genitori dei minori coinvolti nelle riprese “amatoriali” del video sono stati multati di 550 rubli a testa, circa 13 euro, per diffusione di materiale pedopornografico.

Commenti