Mobileye presenta a Roma il suo sistema di assistenza alla guida

L'innovativa tecnologia israeliana è stata al centro di un confronto tenutosi presso lo Studio Tonucci&Partners.

di C. S. 25 Febbraio 2019 17:58

È possibile migliorare la sicurezza stradale tramite il sistema ADAS (Advanced Driver Assistance System) sviluppato dall’azienda israeliana Mobileye.

Proprio questa innovativa tecnologia di assistenza alla guida è stata al centro di un confronto tenutosi questa mattina a Roma presso lo Studio Tonucci&Partners.

La riunione, organizzata da Barbara Pontecorvo e presieduta da Alessandro Varrenti, soci dello Studio, si è focalizzata sui risultati economici e le prospettive di business in Italia e all’estero per Mobileye e sulla tecnologia automotive avanzata.

Tonucci&Partners conferma anche in questa occasione la propria vocazione internazionale e la capacità di porre in relazione primarie aziende straniere e operatori del mondo economico e dell’imprenditoria italiani.

“Vogliamo far conoscere Mobileye presso i nostri clienti italiani – ha affermato l’avv. Varrenti, che ha introdotto l’incontro – e far conoscere il suo dispositivo di sicurezza che consente alle auto di fermarsi in presenza di un’ostacolo”.

“Israele – ha aggiunto – segue solo Stati Uniti e Cina per numero di aziende quotate al Nasdaq. È il primo Paese al mondo per numero di startup per abitante, il secondo per investimenti di capitale di rischio pro capite e il terzo Paese al mondo per capacità innovativa. Investe quasi il 5% del Pil in ricerca e sviluppo”.

Sui significativi rapporti commerciali con l’Italia, ha precisato: “Negli ultimi 10 anni l’interscambio tra Italia e Israele è cresciuto del 4% ogni 12 mesi”.

Dopo il saluto di benvenuto di Mario Tonucci, managing partner dello Studio, l’incontro è entrato nel vivo con il CEE sales director di Mobileye Raz Peleg.

Il dispositivo sviluppato dall’azienda israeliana si applica sul cruscotto dell’auto ed avvisa il conducente di una imminente collisione con un veicolo o un motociclo, sia in autostrade che aree urbane, fino a 2.5 secondi prima della collisione, fornendo il tempo necessario per reagire.

“Il segreto di questo dispositivo – ha evidenziato Peleg – è una telecamera intelligente che rileva pedoni, motocicli, ciclisti, limiti di velocità e riduce i rischi di incidenti”.

“Le funzioni principali del sistema Mobileye – ha spiegato – vanno dall’avviso di collisione frontale con altri mezzi, pedoni e ciclisti al monitoraggio della distanza di sicurezza e delle linee di carreggiata. Dall’avviso di superamento dei limiti di velocità e lettura dei cartelli stradali alla telecamera integrata con registrazione continua delle immagini, utile anche ai fini assicurativi”.

Il dispositivo di Mobileye – che non fuma, non beve, non telefona, non si addormenta e non si distrae mai – è il “co-pilota” ideale per tutti, in particolare per i giovani (più inclini alle distrazioni) e per gli anziani, i cui riflessi e tempi di reazione non sono più quelli di una volta.

“La tecnologia – ha detto il rappresentante dell’azienda israeliana – fornisce informazioni in tempo reale sulla densità del traffico, i potenziali rischi della strada, le condizioni meteorologiche, il parcheggio in strada e altri dati”.

Commenti