Lesbica picchiata a Milano tra l’indifferenza generale

di Gioia Bò 8 Settembre 2011 15:44

Grave episodio di violenza ieri sera a Milano, dove una donna è stata picchiata a sangue in un ristorante da un uomo, che non gradiva i suoi atteggiamenti teneri nei confronti della fidanzata. La donna, infatti, è una lesbica e stava cenando con le amiche e con la compagna, quando l’uomo ha cominciato ad insultarla, fino a provocarne la risposta.

L’uomo non ha gradito, si è avvicinato al tavolo ed ha riempito di pugni in faccia la malcapitata donna, mentre il resto della clientela si è guardata bene dall’intervenire. Solo dopo qualche minuto un gruppetto di donne si è frapposto tra l’aggredita e l’aggressore, come racconta una certa Patrizia su Facebook:

Dopo il violentissimo e fulmineo pestaggio con una raffica di pugni al volto questo omone palestrato sui 90/100kg, 35 anni di età, pelato e tatuato, ha continuato ad aggredirla verbalmente per almeno 5 minuti, tanto che io e le mie amiche che eravamo nel ristorante accanto ci siamo avvicinate. Lui gridava e voleva ancora picchiarla e la minacciava (era veramente fuori controllo), io mi sono messa in mezzo e con un altro signore siamo riusciti a separarli definitivamente. Lei era ricoperta di sangue. Naso forse rotto, labbra pestatissime.

Senza commento.

Tags: omofobia
Commenti