La psichiatra di James Holmes contattò la polizia prima della strage

La donna pare avesse avvisato un poliziotto e l'Università frequentata dal 24enne circa il pericolo di una strage per mano del ragazzo.

di Elena Arrisico 9 Agosto 2012 12:00

Nuove rivelazioni circa la strage di Denver, in Colorado, negli USA: la psichiatra che aveva in cura James Holmes prima della strage sembra avesse avvisato un poliziotto della sua preoccupazione per il paziente, settimane prima che uccidesse le 12 persone nel cinema di Aurora.

La dottoressa Lynne Fenton pare, dunque, avesse lanciato l’allarme alle autorità locali circa il pericolo che Holmes potesse danneggiare delle persone e che fosse, potenzialmente, pericoloso. A riferirlo è ABC News, che ha specificato che la psichiatra lavora presso l’Università che frequentava Holmes. Fenton, infatti, avvertì anche alcuni membri del suo team circa il 24enne, ma il comitato non iniziò mai un’indagine in merito, perché Holmes lasciò il programma di dottorato circa 6 settimane prima della strage. Secondo quanto riferito da Reuters, in Colorado, i dottori possono non ottemperare alle regole sulla privacy, se vengono a conoscenza di rischi imminenti per gli altri.

James Holmes ha fatto irruzione alla prima di mezzanotte del nuovo film di Batman, “The Dark Knight Rises“, in tenuta anti-sommossa sparando indiscriminatamente su tutto il pubblico che era presente in sala. Holmes è, adesso, accusato di 142 crimini – dopo il ritrovamento di un arsenale in casa sua – fra cui 12 capi di omicidio di primo grado.

Commenti