Riusciva ad avere 50 orgasmi di fila: si suicida dopo l’intervista

Gretchen Molannen, 39 anni, era affetta da un disturbo dell'eccitazione genitale persistente. I medici ritengono sia un malfunzionamento del sistema nervoso.

di Simona Vitale 6 Dicembre 2012 9:58

Gretchen Molannen, una donna che aveva un grave disturbo sessuale che la portava ad avere anche 50 orgasmi di fila, è morta per quello che è, almeno in apparenza, un suicidio. Gretchen, 39enne di Spring Hil, in Florida, è stata trovata morta nella serata di sabato. Aveva una rara malattia genitale che ha inciso enormemente sulla sua vita rendendola sempre sessualmente eccitata, secondo il Tampa Bay Times. Le persone con disturbo dell’eccitazione genitale persistente (PGAD) sono eccitate fisicamente ma non psicologicamente e devono trascorrere diverse ore a masturbarsi solo per ottenere un po’ di sollievo. I medici ritengono che sia causato da un malfunzionamento del sistema nervoso.

La donna stava affrontando la malattia da almeno 16 anni prima di togliersi la vita. Stava così male da non riuscire a vivere normalmente. Non ha avuto idea di quello che l’affliggeva per circa 10 anni della sua vita. Non riusciva nemmeno ad avere un lavoro fisso a causa del suo disturbo. Non ne ha parlato nemmeno con i suoi genitori, che hanno scoperto il suo “segreto” solo ora che è morta.
Gretchen ha capito cosa fosse la PGAD dopo aver visto uno speciale in tv nel quale si parlava della malattia, che affligge molte donne.

Ha provato a chiedere aiuto a professionisti del settore medico, ma non è stata in grado di ottenere ciò di cui aveva bisogno, perché la maggior parte dei medici non aveva mai sentito parlare del disordine e non poteva permettersi le cure altri hanno avuto.

Il disturbo era troppo oneroso per lei e non poteva ottenere assistenza. Ha tentato il suicidio tre volte l’anno scorso, ma i precedenti tentativi non hanno avuto successo. Dal momento che lei non riusciva a tenere un posto di lavoro e non aveva reddito, ha presentato istanza per la pensione d’invalidità, ma le è stata negata.

Il Tampa Bay Times ha intervistato la donna durante l’estate e quando un giudice ha negato la sua domanda di invalidità, ancora una volta, il Times ha condiviso la sua storia nel mese di novembre. Il 28 novembre, Gretchen ha ringraziato il Times per aver voluto condividere le informazioni sulla sua rara condizione.

Grazie per l’interesse nel fare una storia su di me! Sono lusingata dal fatto che vogliate aiutarmi. Spero solo che questo servirà ad educare le persone sul fatto che questo disturbo è grave ed esiste davvero, e che altre donne che soffrono in silenzio avranno ora il coraggio di parlare con un medico. Se gli uomini hanno sofferto la vergogna di essere affetti da impotenza o anche da priapismo, ora è il momento per le donne di ottenere aiuto. Grazie per la vostra pazienza con me e per aver dedicato così tanto tempo a questo. Sono sicura che il vostro editore sia molto orgoglioso del vostro lavoro e io sono felice di vedere la mia storia in prima linea.

Queste le parole scritte da Gretchen al Times in una mail. Dopo aver letto la storia, diversi professionisti legali e medici si sono offerti di aiutare lei e le donne con la stessa condizione. Poi il suicidio.

Migliaia di donne possono essere affette da questo disturbo, ma come Gretchen, potrebbero non sapere di che cosa soffrono o hanno troppa paura di farsi avanti. Ancora, semplicemente, non possono permettersi l’aiuto di cui hanno bisogno in quanto le loro condizioni le costringono a vivere una vita normale, ma solo in apparenza.

Commenti