Il festival peruviano in cui si mangia carne di gatto

Celebrata in onore di Sant'Ifigenia, la festa celebra il periodo cui i primi coloni furono costretti a sopravvivere mangiando carne felina.

di Simona Vitale 11 Ottobre 2012 15:25

Tutti i gatti spaventati del Perù possono ora stare tranquilli, l’annuale  festa mangia-felino è finalmente finita, almeno fino al prossimo anno. Ogni mese di settembre, nella città di La Quebrada, si tiene una festa in onore di Sant’Ifigenia, una santa particolarmente venerata dai peruviani discendenti di schiavi africani, secondo quanto riportato dall’Associated Press.

Parte della celebrazione include il Festival gastronomico del gatto, una sorta di grande festa in cui si mangia carne di gatto. Essa è volta a commemorare il momento in cui i primi coloni furono costretti a sopravvivere con carne di gatto, o almeno così dice la storia. Sono decine i gatti ad essere allevati appositamente per la festa felina, riporta la BBCI piatti consigliati sono stufato piccante di gatto e gatto alla griglia con erbe Huacatay. Chi ha mangiato la carne felina, riferisce che essa ha un sapore simile a quella del coniglio.

Peta, gruppo in sostegno dei diritti degli animali, secondo il Mirror, ha tirato fuori gli artigli per tentare di fermare in qualche modo lo svolgimento della festa, ma senza ottenere alcun risultato. Alcuni pensano che la carne di gatto sia in grado di curare la bronchite e aumentare la fertilità. Non solo, la tradizionale saggezza popolare peruviana ritiene che la carne felina abbia anche notevoli virtù afrodisiache.

Tags: gatti · perù
Commenti