Ennio Fantastichini è morto a Napoli, aveva 63 anni

Il popolare attore stroncato da un'emorragia cerebrale conseguenza della leucemia

di fabiana 1 dicembre 2018 20:00

Lutto nel mondo del cinema: è morto Ennio Fantastichini. L’attore si è spento a  63 anni, a Napoli a causa da una grave emorragia cerebrale, conseguenza di una leucemia: era ricoverato da quindici giorni in rianimazione all’ospedale Federico II di Napoli. 

Fantastichini era stato ricoverato il 13 novembre, ma sul ricovero er sempre stato mantenuto il massimo riservo. Nato a Gallese, in provincia di Viterbo, il 20 febbraio 1955, Ennio Fantastichini aveva esordito a teatro a 15 anni con Samuel Beckett, ma si era trasferito a Roma all’età di 20 anni per poter studiare recitazione all’Accademia d’arte drammatica. 

Il debutto nel cinema arriva nel 1982 con la pellicola Fuori dal giorno e nel 1985 aveva interpretato il ruolo di Enrico Fermi in I ragazzi di via Panisperna di Gianni Amelio, sempre diretto da Gianni Amelio aveva interpretato Porte aperte nel 1989, al fianco di Gian Maria Volonté raggiungendo la vera popolarità.

Tante le sue pellicole, da Ferie d’agosto diretto da Paolo Virzì, a Saturno contro con Ferzan Ozpetek che lo dirige ancora nel 2010 per  Mine vaganti con il quale riesce a conquistare il David di Donatello come migliore non protagonista. 

In televisione aveva partecipato anche al film per la tv, Fabrizio De André- Principe libero in una carriera che lo ha visto protagonista di circa 50 pellicole per il cinema, fra commedie drammi e oltre 15 ruoli per la televisione, ma nel frattempo continuava a frequentare il teatro, con Iaia Forte, della commedia Tempi nuovi, interpretando il Re Lear di Shakespeare diretto dal regista Giorgio Barberio Corsetti solo lo scorso anno. 

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti