Diabesity, Fazio contro obesità e diabete

di Vincenzo Avagnale 5 Ottobre 2011 9:56

Ferruccio Fazio commenta i “Quaderni del ministero della Salute“, collana arrivata al decimo volume, spiegando che diabete ed obesità vanno spesso di pari passo e quando coesistono diventano una vera e propria patologia a parte: il Diabesity.

In Italia è necessario combattere questo fenomeno il più presto possibile; infatti l’obesità, specialmente quella infantile, è in aumento ed è uno dei fattori di rischio per il diabete. Inoltre la coesistenza di queste patologie ne fa nascere una più grave, in quanto le due problematiche si sostengono a vicenda provocando danni alla salute sempre più consistenti.

In Italia l’obesità rappresenta un problema e a preoccupare maggiormente è l’obesità pediatrica, visto che il 35% dei bambini italiani, ovvero circa 1 milione di individui, risulta essere obeso od in sovrappeso.” Le parole del ministro sono avallate dai dati riportati nella pubblicazione da lui presentata. 6 milioni di obesi e 3 milioni di diabetici (quasi il 10% in più rispetto a cinque anni fa), un’emergenza sociale e sanitaria che determina il 15% dei costi complessivi dell’assistenza sanitaria nazionale, con 70000 ricoveri per complicanze. “Questo Quaderno testimonia la piena consapevolezza del ministero dell’estrema rilevanza della tematica e sopratutto l’intenzione di fornire elementi necessari a definire i criteri di appropriatezza, clinica, strutturale, tecnologica ed operativa per la prevenzione di queste patologie. “

Secondo l’Istat nel 2010 l’Italia ha una percentuale di diabetici che rappresenta il 4,9% della popolazione; 75000 persone con diabete subiscono un infarto, 20000 sono colpiti da insufficienza renale cronica, 5000 patiscono l’amputazione degli arti inferiori, 18000 sono colpiti da ictus, mentre altrettanti muoiono. Due terzi dei malati di diabete di tipo 2 sono obesi, mentre solo il 20% risulta normopeso. per i diabetici di tipo 1 una persona su quattro è sovrappeso.

Come al solito i problemi aumentano con il diminuire della latitudine, così mentre in Valle D’Aosta la percentuale di bimbi obesi o sovrappeso è del 23% in Campania si arriva fin quasi al 50%. Nonostante ciò il ministro ha detto: “possiamo migliorare, l’Italia resta comunque uno dei paesi con la sanità migliore, al di sotto degli standard di Francia e Germania, ma uguale a quella dell’Inghilterra; inoltre spendiamo meno di altri paesi europei per curare il diabete, ma con risultati di gran lunga migliori!” 

Commenti