Cina, espulsa giornalista di Al Jazeera

Melissa Chan è stata espulsa dalla Cina, facendo di lei la prima giornalista a cui non è stato rinnovato il visto dal 1998.

di Elena Arrisico 9 Maggio 2012 14:11

Al Jazeera – la rete televisiva araba – ha reso noto la chiusura della sua copertura in inglese in Cina. La corrispondente Melissa Chan è, infatti, stata espulsa.

Tramite un comunicato diffuso a Pechino, Al Jazeera ha spiegato che le autorità cinesi non hanno rinnovato il visto della giornalista e non l’hanno concesso a nessun altro giornalista della rete televisiva araba. Melissa Chan è la prima giornalista ad essere espulsa dalla Cina dal 1998. Chan aveva inaugurato il servizio in inglese della rete televisiva araba nel 2007.

Al Jazeera, nel frattempo, continua a richiedere una presenza in Cina “dato che i mezzi d’informazione cinesi lavorano liberamente nel mondo, ci aspettiamo che la stessa libertà sia garantita in Cina a tutti i giornalisti di Al Jazeera“, si legge nel comunicato.

Salah Negm – direttore delle news di Al Jazeera English – ha dichiarato: “Abbiamo fatto un ottimo lavoro in Cina. Il nostro DNA editoriale ci porta a coprire tutte le storie da tutte le parti. Noi diamo costantemente voce a chi è senza voce e alcune volte questo ci porta a fare servizi duri da ovunque nel mondo. Speriamo che la Cina apprezzi l’integrità del nostro lavoro e del nostro giornalismo. Al Jazeera Media Network continuerà a collaborare con le autorità cinesi per riaprire la nostra sede di Pechino“.

Commenti