La ragazza che sposa l’assassino della sua gemella

Un giudice ha stabilito che Edith Casas potrà convolare a nozze con Victor Cingolani, condannato a 13 anni per l'assasinio di Johanna Casas.

di Simona Vitale 24 Gennaio 2013 20:08

La sua decisione aveva suscitato enorme scalpore e indignato l’opinione pubblica dell’Argentina. Parliamo di Edith Casas, ragazza che sposerà Victor Cingolani, l’uomo condannato nel 2010 a 13 anni di carcere per l’omicidio della sorella gemella della stessa Edith, Johanna. Convinta dell’innocenza del suo fidanzato (che ha avuto una relazione con entrambe le sorelle), contro il parere della madre che aveva dichiarato di voler impedire a tutti i costi un matrimonio che non aveva alcun senso, ha deciso invece di convolare a nozze con Cingolani.

Ora, però, nemmeno la madre nulla può per impedire l’unione dei due: dopo una serie di perizie psicologiche richieste dalla famiglia della stessa Edith, il giudice ha stabilito che la ragazza è pienamente capace di decidere se sposare o meno l’uomo. Le perizie hanno evidenziato infatti che la giovane “non presenta nessuna disfunzione psicologica o mentale tale da impedirle di contrarre matrimonio”. Il matrimonio, pertanto, sarà celebrato nelle prossime ore in un carcere argentino di Santa Cruz, dopo il rinvio di un mese determinato dall’intervento, inutile, della madre della futura sposa.

Commenti