Addio a Mattia, 4 anni: ucciso da una meningite fulminante

Mattia Perinel è deceduto presso l'ospedale pediatrico di Padova. Ogni tentativo di salvargli la vita si è rivelato del tutto vano.

di Simona Vitale 10 Novembre 2012 12:47

Un destino atroce quello di un bambino di soli 3 anni e 8 mesi, il piccolo Mattia Perinel, di La Salute di Livenza, nel comune di San Stino. Il bimbo, 4 giorni fa, si era svegliato con la febbre molto alta.  I genitori, Manuela Saltarel e Luciano Perinel, si erano però accorti di un irrigidimento naturale del collo del loro amato bambino e hanno così deciso di portarlo in ospedale a San Donà di Piave. I medici lo hanno trattenuto per un giorno in osservazione, salvo poi trasferirlo, via elicottero, all’ospedale di Padova. Qui i medici, immediatamente, non hanno avuto dubbi sul fatto che Mattia avesse contratto la meningite da pneumococco, come rivelato da Il Gazzettino.

Purtroppo ogni tentativo o cura si è rivelato del tutto inutile e la meningite fulminante ha strappato alla vita e al futuro un bimbo di soli 4 anni creando un dolore atroce per i genitori, al suo capezzale nell’ospedale pediatrico di Padova mentre il bimbo si spegneva.  Un bimbo bellissimo e molto vivace, che aveva da poco iniziato a conoscere i suoi piccoli amici dell’asilo di San Giorgio di Livenza e che non potrà più incontrare. Manuela e Luciano, distrutti dalla loro perdita, sono tornati a casa ieri nel tardo pomeriggio. Ad attenderli c’era la loro figlioletta di due anni che avrebbe voluto rivedere il suo fratellino che, purtroppo, mai più tornerà a casa.

Un dolore atroce che ha colpito non solo la famiglia del piccolo Mattia, ma anche la stessa comunità di La Salute nello sconforto. “È difficile credere che il male possa colpire un bimbo di tre anni. Abbiamo saputo la terribile notizia nel pomeriggio. C’è caduto il mondo addosso, ma ora siamo vicini a Manuela e Luciano e alla loro piccola”, ha dichiarato, sconfortato, un cugino del papà di Mattia, un bimbo a cui per sempre il male ha tolto la possibilità di vivere.

Commenti