A 74 anni ruba biciclette: “Guadagno 280 euro al mese di pensione”

di Gianni Monaco 19 Settembre 2011 8:43

La crisi economica colpisce ancora. O forse no: è tutta colpa dell’avidità. Insomma, giudicate voi. C. F. è un 74enne di Roma. E’ finito per ben 8 volte in carcere, negli ultimi due anni, per avere rubato biciclette. Dice che le rivende a non più di 70 euro: non sono molti, ma servono a integrare la sua misera pensione di 280 euro. L’anonimo ladro, intervistato da Repubblica, racconta che prima di svolgere questa “professione” era un barbiere. Un mestiere che certo non fa diventare milionari, ma che garantisce comunque un buon reddito.

Il ladro spiega che si vergogna della sua nuova attività, ma che non può fare diversamente vista la misera pensione:

Con quella cifra potrei mangiare solo le prime due settimane. Sono pentito di quello che ho fatto. Mio figlio non è come me. Lui ha studiato, guadagna bene, ha una buona posizione. Ma non gli voglio chiedergli soldi, deve pensare alla moglie e ai figli: un padre non deve farsi aiutare dai propri figli. Sono orgoglioso di lui. Invece per me è un disastro, anche con mia moglie. Mi guarda con disprezzo per quello che faccio.

Commenti