Multato il Caffè Gambrinus di Napoli, vietato l’accesso a un cane per ciechi

I titolari parlano di spiacevole equivoco

di fabiana 15 ottobre 2018 8:00

Una multa di importo di 833 euro emessa dalla polizia municipale ai titolari dello storico Caffè Gambrinus di Napoli: ieri pomeriggio il locale ha vietato l’accesso a un cane che accompagnava una cliente ipovedente. 

Al cane, munito di museruola e di guinzaglio, è stato vietato l’ingresso e la cliente non è potuta entrare rivolgendosi alla polizia municipale che ha provveduto a elevare la  multa. 

Si è trattato di uno spiacevole equivoco” ha subito dichiarato  Michele Sergio portavoce della famiglia che detiene il locale. 

Un equivoco nato, secondo Sergio, nel momento in cui lo zio non si è immediatamente reso conto di trovarsi di fronte a una ipovedente allontanandola con il suo cane.

Nel momento in cui si è reso conto della situazione e dell’errore, ha inviato la signora a entrare, come dichiarato via Ansa, ma la stessa signora si è rifiutata rivolgendosi direttamente ai vigili che hanno proceduto alla multa. 

Sergio si giustifica che in alcune sale i cani possono entrare e in altre no (nella sala sa the no evidentemente): la polizia ha emesso multa dato che i titolati del locale di fatto sono contravvenuti al regolamento che disciplina il comportamento degli animali accompagnatori di disabili che hanno accesso in tutti i locali e in casi eccezionali con la museruola. 

Valuteremo il ricorso, ma siamo pronti a incontrare la signora magari davanti ad un bel caffè. 

Ha dichiarato Sergio a nome del locale che però oltre ad aver ricevuto la sanzione, si è reso colpevole di una caduta di stile. 

photo credits | instagram

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti