La studentessa 16enne arrestata per un esperimento scientifico

Kiera Wilmot è stata accusata di aver fatto esplodere una bottiglia d'acqua riempita con una miscela di prodotti chimici.

di Simona Vitale 3 maggio 2013 16:21

Quello che doveva essere un esperimento innocuo per Kiera Wilmot, 16enne nativa della Florida, si è trasformato in un vero e proprio incubo. La giovane, studentessa della Bartow High School, è stata arrestata nella sua scuola la settimana scorsa con l’accusa di aver fatto esplodere una bottiglia d’acqua riempita con una miscela esplosiva di prodotti chimici. Secondo il Miami New Times, il rapporto di polizia rivelerebbe che l’esperimento è stato ispirato da uno dei centinaia di video pubblicati  su YouTube, che mostrano come provocare un’esplosione, il più delle volte per fortuna senza grosse conseguenze.

Sebbene nel corso dell’esperimento nessuno si sia fatto male, la proprietà è stata danneggiata. La 16enne è stata accusata di “possesso e scarica di un’arma all’interno della scuola e di aver realizzato un congegno distruttivo“, secondo WTSP.

Secondo il Miami New Times, Kiera era nota per essere una brava studentessa. Ha raccontato alla polizia che stava conducendo un esperimento scientifico, anche se non sembra che le fosse stato assegnato da qualche insegnante. Il preside della scuola, Ron Pritchard, ha difeso la studentessa nel corso di un’intervista concessa ad un giornale locale. Ha raccontato che Kiera non ha lasciato la sede della scuola dopo l’esplosione. “Ha lasciato che la bottiglia a terra e lei è rimasta lì“, ha detto Pritchard. “Siamo andati a vedere dove fosse Kiera e abbiamo visto la bottiglia che ha causato l’esplosione, senza che Kiera l’avesse gettata via per nascondere il suo misfatto”.

La ragazzina al momento è stata però anche espulsa dalla scuola.

34 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti