Inps, un pensionato italiano mediamente riceve mille euro

La maggior parte dei pensionati, quasi la metà, è concentrata nel Nord. Gli assegni più poveri sono quelli del Sud: non si arriva nemmeno a 900 euro al mese. E la situazione è destinata a peggiorare.

di Gianni Monaco 15 dicembre 2011 16:36

Il governo Monti ha deciso di intervenire con la mano pesante sulle pensioni. Ma è così sicuro, l’esecutivo, che i privilegiati si annidano tra gli anziani che hanno passato una vita a lavorare. Sì, è vero, ci sono le pensioni d’oro e i baby pensionati. Ma quelle sono categorie a parte. Per la maggioranza degli italiani, la realtà è ben diversa. In base ai dati appena diffusi dall’Inps, risulta che l’assegno medio di un nostro concittadino in pensione è di 1.084 euro mensili. Ora, se consideriamo che alcuni nababbi percepiscono anche mezzo milione di euro l’anno, si capisce subito come la stragrande maggioranza degli italiani prenda un assegno a sole tre cifre.

Stando sempre ai dati dell’Inps, risulta che per gli uomini la media è di 1.312 euro mensili, per le donne di appena 893 euro. La maggior parte degli assegni è concentrata al Nord (49,7%). I pensionati più poveri sono quelli del Sud: percepiscono appena 876 euro al mese. Numeri già bassissimi, ma che per colpa della disoccupazione giovanile (in costante aumento e già sopra il 30%) e della riforma voluta da Elsa Fornero, sono destinati a diventare ancora più ridicoli.

29 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti