Grillo riempe la piazza a Milano: “Politici, arrendetevi”

Quasi centomila persone in piazza Duomo per il comizio del leader del M5s. Sul palco anche Dario Fo. Il comico genovese: "Sta finendo un'epoca".

di Luca Fiorucci 19 febbraio 2013 23:46
Beppe Grillo

Il leader del Movimento Cinque Stelle Beppe Grillo, dopo aver riempito la piazza a Torino e a Genova, ha oggi fatto arrivare in piazza Duomo a Milano quasi centomila persone per il suo comizio. Venerdì sarà la volta di Roma, in una piazza storica per la sinistra come Piazza San Giovanni: a quest’ultimo appuntamento sembrava dovesse partecipare anche Adriano Celentano, che avrebbe dovuto cantare la sua canzone contro l’astensionismo “Ti fai del male”, ma la moglie Claudia Mori ha poi smentito la presenza del “Molleggiato”. Il comico genovese ha aperto il suo intervento rivolgendosi ai partiti tradizionali, dicendo: “Il mio grido è arrendetevi, siete circondati dal popolo italiano. E’ un sogno che stiamo condividendo, questo non è un comizio, è uno scambio di affetto che non c’è mai stato in Italia. Io giro con un camper che mi hanno prestato. Se ne devono andare, se ne vadano finchè sono in tempo”.

Facendo riferimento a questi ultimi giorni di campagna elettorale, invece, Grillo ha affermato: “Saranno cinque giorni di fuoco. Sui giornali scriveranno che sono un nazista, un pedofilo, un drogato. Ci sottovalutano sempre, poi quando arriviamo rimangono sbigottiti. Sta finendo un’epoca, non hanno capito“. Riferendosi a Berlusconi, ha detto: “Il Nano è andato in tv per dire che bisogna fare politica per passione. E’ ridicolo“. Quindi il solito attacco ai sindacati: “Cgil, Cisl e Uil hanno le stesse responsabilità che hanno avuto i partiti nella disintegrazione del lavoro in questo paese“.

Il leader del Movimento 5 Stelle ha parlato anche del rapporto con il suo “guru” Gianroberto Casaleggio: Dietro di me ci sono io e dietro Casaleggio c’è Casaleggio, due persone che fanno qualcosa per gli altri senza un ritorno economico” ha affermato. Sul palco oggi è salito anche il premio Nobel Dario Fo, che ha scritto assieme al comico genovese e a Casaleggio il libro “Il grillo canta sempre al tramonto”, e potrebbe presenziare anche al comizio di Roma: “Mi sembra di esser tornato indietro di molti anni, alla fine della guerra mondiale quando c’era tanta gente piena di gioia e con la speranza di cambiare. Tutti vogliono sapere che cosa è questa cosa straordinaria, non mollate per favore!” ha detto.

Tra i presenti alla manifestazione, anche la candidata del Movimento Cinque Stelle alla presidenza della Regione Lombardia, Silvana Carcano, che, parlando con i giornalisti, ha dichiarato: “I partiti mettono esponenti civici davanti, ma hanno dietro le solite strutture che impediranno la realizzazione del programma”, per cui, per lei, il candidato del centrosinistra Ambrosoli e quello del centrodestra Maroni rappresentano la stessa struttura partitica e l0 hanno dimostrato nelle ultime tribune politiche, rispondendo in maniera simile alle domande”.

9 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti