Pena capitale ancora in azione negli USA: giustiziato 50enne

Nonostante le numerose proteste provenienti da tutto il mondo, il governatore del South Dakota non è intervenuto per fermare l'esecuzione.

di Elena Arrisico 16 Ottobre 2012 12:54

Ennesima morte negli USA per via della pena capitale: questa volta ad essere giustiziato è stato un uomo di 50 anni, che chiedeva di essere ucciso per l’omicidio di una guardia carceraria. Il 50enne è stato ucciso ieri sera, nel South Dakota, appena un anno dopo la sua condanna.

Secondo quanto reso noto da alcune fonti penitenziarie citate dalla stampa, questa è la prima esecuzione avvenuta negli ultimi 5 anni nello Stato americano in questione. Numerose sono state le proteste – compresa quella dell’Unione Europea – contro questa pena capitale e l’altra prevista nello stesso Stato la prossima settimana, ma il governatore Dennis Daugaard aveva già annunciato che non aveva intenzione di intervenire “per impedirla o ritardarla“.

È un giorno triste, le esecuzioni sono rare nel nostro Stato e sono riservate ai casi di estrema premeditazione“.

Ha, però, dichiarato il governatore del South Dakota, in un comunicato pubblicato ieri sera. Eric Robert – questo era il nome dell’uomo – è stato giustiziato poco dopo le ore 22:00 di lunedì sera, negli USA – le 5:00 di questa mattina, in Italia – con un’iniezione letale. L’uomo è il 31esimo condannato giustiziato negli Stati Uniti dall’inizio del 2012.

Commenti