Curare l’omosessualità a spese dello Stato: proposta shock in Olanda

Bufera di polemiche in Olanda a seguito della proposta di Different, organizzazione cristiano-confessionale che offrirebbe dei collaudati percorsi terapeutici per far guarire dalla malattia dell'omosessualità, con esiti positivi nel 30% circa dei casi.

di Simona Vitale 19 gennaio 2012 13:16

Polemiche fervono in Olanda a causa dell’ipotesi che presto possa essere introdotta una terapia a spese del sistema sanitario nazionale per “guarire” dall’omosessualità. L’associazione Different, un’organizzazione cristiano-confessionale che fornisce assistenza nel campo del cosìdetto”disagio relazionale“, offrirebbe dei collaudati percorsi terapeutici per far guarire dalla malattia dell’omosessualità, con esiti positivi nel 30% circa dei casi. Sicuramente l’Olanda è sempre stato un paese mentalmente aperto, tollerante. Matrimoni e adozioni a favor e di persone dello stesso sesso sono concesse ormai da un decennio. Pertanto un piccola componente omofoba della popolazione è tollerabile a discapito di un’ampia libertà di fatto e di pensiero. Tuttavia, però, come riferito da Lode Wigersma presidente della Knmg, associazione che riunisce i medici olandesi, mettere mano ad un trattamento che “è privo di qualunque base scientifica ed anzi pericoloso, per gli effetti devastanti che può avere sulla personalità di alcuni pazienti” sembra troppo.

Bizzarro. Non ne sapevo nulla, altrimenti sarei intervenuta immediatamente. L’assicurazione sanitaria serve per coprire le spese relative a trattamenti per guarire dalle malattie e, visto che l’omosessualità non è una malattia, non vedo ragione per estendere la copertura a queste terapie” ha dichiarato il ministro della salute olandese Edith Schippers. Nel frattempo Different, che ha sede nel quartiere a luci rosse di Amsterdam, ha subito reagito alle critiche del mondo medico per mezzo di un comunicato stampa nel quale considera la ricostruzione della notizia non corretta. “Molti dei nostri pazienti sono stati vittime di abusi sessuali in adolescenza, altri ancora sono stati coinvolti in episodi di incesto” ha dichiarato Anouk Van Tooren, presidente di Different, pensando proprio ad un collegamento tra omosessualità e violenza su minori, argomento principale delle campagne omofobe dei gruppi evangelici olandesi. Proprio da gruppi confessionali di minoranza, presenti in Parlamento, sono giunte espressioni di solidarietà a favore del lavoro di Different, scatenando un polverone di polemiche che costringe e costringerà il Governo a intervenire.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: gay · olanda
Commenti