Cuori di vitello lanciati a Montecitorio e gavettoni contro l’on. Ronchi

di Gianni Monaco 14 Settembre 2011 18:25

La casta dei politici è diventata sempre più insopportabile per buona parte degli Italiani. L’ultimo episodio di intolleranza riguarda l’on. Andrea Ronchi, già ministro per le politiche europee ed esponente di spicco di Fli, da poco tornato nella maggioranza che sostiene Silvio Berlusconi. Appartenenti ai Cobas e alla Cgil gli hanno lanciato gavettoni e insulti in Piazza Montecitorio, dove manifestavano contro la manovra del governo. Lui ha risposto in modo brunettiano: “Siete la vergogna d’Italia, cialtroni di merda!”

Dopo la situazione è ulteriormente degenerata. I manifestanti hanno lanciato cuori di vitello ancora insanguinati e altri oggetti, tra cui bombe carta, contro le forze di polizia e i palazzi del potere. Perché proprio i cuori di vitello? Perché il primo ministro, durante la conferenza stampa di qualche settimana fa, spiegando la manovra, aveva detto che il suo cuore grondava di sangue. 

La replica del mondo politico rispetto a questi episodi è sdegnata. Ad ogni modo, nonostante le proteste, l’aumento delle imposte e dell’età per ottenere la pensione non viene messo in discussione dal governo.

Tags: casta
Commenti