4 famosi musicisti che hanno ucciso qualcuno

Alcuni grandi stelle del firmamento della musica si sono resi colpevoli di messo fine, sebbene involontariamente, alla vita di alcune persone.

di Simona Vitale 9 ottobre 2013 12:56

Alcuni musicisti sono diventati famosi non solo per aver inciso pezzi memorabili ed essersi così immortalati nel cuore di milioni di fan, ma anche per motivi decisamente più macabri. Diversi, infatti, sono i musicisti passati alla storia per aver ucciso qualcuno.

Scopriamo insieme di chi si tratta, come ci suggerisce anche Oddee.com.

1. Keith Moon, il batterista degli Who che ha investito il suo autista

4 famosi musicisti che hanno ucciso qualcuno

Alla vigilia del 4 gennaio 1970, il batterista degli Who Keith Moon, la moglie Kim , il suo autista Neil Boland e alcuni amici hanno partecipato alla apertura del Red Lion Pub a Hatfield, Hertfordshire . Erano presenti anche diversi operatori della classe operaia e skinheads che si sono sentiti offesi dall’ostentazione di ricchezza della star. La tensione aumentava e quando il batterista e il suo gruppo hanno deciso di lasciare il locale, la loro Bentley è stata circondata e bersagliata con le monete.

Neil Boland uscì dalla macchina nel tentativo di calmare la folla e creare un percorso per fuggire. Moon, terrorizzato, che non è stato il migliore dei piloti anche da sobrio, si mise al volante dell’auto e accelerò. Solo quando la macchina raggiunse la fine del vialetto Moon si rese conto che Boland era sotto l’auto con il cranio schiacciato. Il batterista, rimasto scioccato dall’incidente per il resto della sua vita, venne assolto da ogni accusa e la morte di Boland è stata archiviata come un tragico incidente.

<!–nextpage–>

2. Il batterista Jim Gordon che ha ucciso la madre in preda alla schizofrenia

4 famosi musicisti che hanno ucciso qualcuno

Il batterista Jim Gordon era rinomato per la sua sessione di lavoro con The Everly Brothers, The Beach Boys, Glen Campbell, Alice Cooper, Joe Cocker e soprattutto Eric Clapton, con il quale ha scritto il tormentone ” Layla “, nel 1970, vincitore anche di un Grammy.

Lo strano comportamento di Gordon e violente esplosioni di rabbia hanno cominciato a manifestarsi già nel 1969, anche se la sua schizofrenia è stata in gran parte ignorata e non diagnosticata per molti anni. Gordon era afflitto da allucinazioni uditive, la più potente delle quali ha coinvolto sua madre. Le voci che sentiva nella sua testa erano capaci di privarlo del sonno, di non farlo mangiare e in ultima analisi influenzare la sua capacità di suonare la batteria . Il 3 giugno del 1983, nel tentativo di mettere a tacere la voce dentro la sua testa, Gordon ha ucciso la sua vera madre con un martello e poi l’ha pugnalata ripetutamente con un coltello da macellaio . Nonostante una ben documentata storia di malattia mentale, è stato giudicato colpevole di omicidio di secondo grado nel 1984 e condannato a 16 anni di reclusione.

<!–nextpage–>

3. Il produttore discografico che ha ucciso la sua padrona di casa prima di suicidarsi

4 famosi musicisti che hanno ucciso qualcuno

Joe Meek è stato un produttore discografico e cantautore anticonformista autore di una serie di successi nel suo paese d’origine durante i primi anni ’60 . Ha raggiunto il successo internazionale con il tormentone “Telstar “, che è stato il primo singolo britannico a raggiungere la posizione numero 1 della classifica di Billboard negli Stati Uniti

Nel 1966 tuttavia, giunsero i guai. Non solo fu accusato di plagio, ma venne anche condannato con l’accusa di adescamento omosessuale, che lo lasciò aperto a tentativi di ricatti ripetuti .

Il 3 febbraio 1967 un Meek sempre più depresso e paranoico consegnò una nota al suo assistente Patrick Pink in cui scrisse: “Sto andando ora. Arrivederci”. Meek chiese poi a Patrick di andare a prendere la sua padrona di casa, Violet Shenton. Quando la donna giunse, Meek litigò con lei e le sparò prima di rivolgere l’arma contro se stesso.

<!–nextpage–>

4. Il cantante Vince Neil responsabile di 3 omicidi colposi in un incidente automobilistico

4 famosi musicisti che hanno ucciso qualcuno

Durante il loro primo tour negli Stati Uniti nel 1984, i membri di Hanoi Rocks si ritrovarono a casa del cantante dei Motley Crüe ,Vince Neil, vicino a Redondo Beach per un paio di giorni di relax e vita notturna. L’8 dicembre, il batterista Nicolas “Razzle” Dingley corse verso un negozio di liquori nelle vicinanze della dimora. Ubriaco al volante, Neil perse il controllo e si scontrò contro una macchina in arrivo, uccidendo Razzle e ferendo gravemente i due occupanti dell’altro veicolo. Venne accusato di omicidio colposo e guida in stato di ebbrezza. Fu condannato a 30 giorni di carcere (scontandone 15) e al pagamento di 2,6 milioni di dollari come risarcimento alle vittime e alle loro famiglie, oltre a cinque anni di libertà vigilata.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti