Terremoto nel nord Italia, nuova violenta scossa: sedici vittime

Ancora un sisma nelle zone settentrionali dell'Italia

di Flavio Li Volsi 29 maggio 2012 9:24

La terra non smette di tremare nella metà settentrionale della penisola. Una forte scossa di terremoto è stata avvertita in tutto il nord Italia alle ore 9:03.

Il sisma è stato avvertito con violenza in tutte le parti del nord: su Twitter si raccolgono segnalazioni dalla Toscana, al Piemonte fino ad arrivare al Friuli Venezia Giulia.

La scossa ha avuto una magnitudo di 5.8 scala Richter, con epicentro nei pressi di Modena. La profondità è di 10.2km.

09.30: a Milano sono stati evacuati alcuni palazzi, mentre è molta la gente scesa in strada a Bologna.

09.35: i vigili del fuoco segnalano i primi crolli a Finale Emilia, Mirandola e San Felice sul Panaro.

09.48: Trenitalia ha interrotto la circolazione alla stazione Bologna Centrale per verifiche alle infrastrutture.

09.52: è in sovraccarico la rete mobile in alcune zone del nord, per questo è consigliato usare il cellulare solo per reali emergenze.

09.55: si segnalano i primi danni di basso rilievo anche a Venezia (foto).

09.58: il sindaco di San Felice sul Panaro parla di nuove vittime nelle zone industriali. La prima vittima riportata è un operaio.

10.13: a Mirandola i pompieri stanno cercando di liberare quattro uomini rimasti sotto le macerie di un capannone.

10.17: sono stati segnalati molti crolli e gravi danni a Cavezzo, Modena.

10.24: Mirandola, sono crollati il duomo e la chiesa di San Francesco.

10.30: nuova scossa nella zona di Modena, più lieve della precedente.

10.37: crollato il teatro comunale a Cento.

10.39: il terremoto è stato avvertito anche in Austria, da quanto riportano le agenzie del posto.

10.40: il Pd ha rinviato la direzione di oggi a lunedì per rispetto nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto. «Il Pd è a disposizione fin dalle prossime ore e dai prossimi giorni per operazioni di solidarietà e vicinanza alle popolazioni» è quanto ha detto Bersani, segretario del Pd.

10.53: un operaio è stato ferito da un cornicione a Rovigo ma non è in pericolo di vita.

11.00: sono tre le vittime accertate fin adesso: due a San Felice sul Panaro ed una a Mirandola.

11.03: per facilitare la comunicazione, si consiglia di rendere libere le reti Wi-Fi nelle zone colpite dal terremoto.

11.08: crollato il centro storico di San Possidonio, 8 feriti ma nessun morto.

11.11: salgono a sei le vittime nel modenese. Oltre alle tre già segnalate, sono morte in crolli riguardanti abitazioni private persone nelle città di Concordia, Finale Emilia e Mirandola.

11.15: diverse le repliche di terremoto dopo la scossa iniziale. Alle 9,07 (magnitudo 4,0), alle 9,11 (3,6), alle 9,13 (3,6), alle 9,30 (3,2) e alle 9,38 (3,1).

11.19: un italiano, un pakistano ed un marocchino. Queste sono le nazionalità delle vittime accertate nei crolli di capannoni industriali.

11.21: sale ad otto il bilancio delle vittime, di cui cinque accertate.

11.30: due operai di un caseificio feriti, uno gravissimo, a Castelvetro piacentino, nel deposito di stagionatura formaggi ‘Aimì, a causa della caduta di un grosso carico di forme di Grana Padano dagli scaffali. Riccardo Poli, 20 anni, di Castelvetro, ha subito lo schiacciamento del torace ed è stato trasportato all’ospedale civile di Cremona. Laurentin Danut Popa, 44 anni, è invece ferito ad un piede.

11.40: nel frattempo c’è chi sfrutta l’onda di Twitter per speculare sul terremoto, è il caso di Groupalia.

11.46: anche il Presidente del Consiglio Mario Monti si è espresso sull’accaduto. «Assicuro che lo Stato farà tutto quello che deve fare, che è possibile fare, nei tempi più brevi, per garantire la ripresa della vita normale in questa terra così speciale, importante e produttiva per l’Italia».

11.50: salgono a nove le vittime del sisma, una donna è morta sotto il crollo di un mobilificio a Cavezzo.

11.58: estratto vivo un operaio disperso a Mirandola.

12.25: il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, si recherà a breve in Emilia per verificare personalmente la situazione.

12.30: come togliere la password al Wi-Fi, la guida scritta da Attualissimo per favorire le comunicazioni.

13.00: sale a dieci il bilancio delle vittime.

14.30: si aggrava di molto il bilancio delle vittime che adesso è di 13. A Mantova è crollata la cupola Santa Barbara.

14.48: il direttore della Protezione Civile Emilia Romagna, Demetrio Egidi, ha annunciato ai microfoni di Sky Tg 24 che è in corso l’attrezzamento per ospitare 6000 sfollati.

14.50: i feriti, stando ai dati del 118, ammontano ad un centinaio.

15.00: la segreteria del Pd ha invitato il partito dell’Emilia a mobilitarsi a sostegno dei terremotati. Il Pd dell’Emilia-Romagna, infatti, d’intesa con il partito nazionale e con le Unioni provinciali di Modena e Ferrara, ha aperto un conto corrente su cui è immediatamente possibile fare versamenti (IT02 N031 2702 4100 0000 000 1 494, presso UNIPOL BANCA Intestato «EMERGENZA TERREMOTO EMILIA-ROMAGNA -Partito Democratico Emilia-Romagna, causale “Emergenza terremoto”). I fondi saranno messi interamente a disposizione delle istituzioni locali maggiormente colpite dal sisma.

15.13: sale a 15 il numero delle vittime.

15.35: la Regione Emilia fa sapere che gli sfollati ammontano a 5000.

15.45: Hollande annuncia che “la Francia è pronta a dare aiuto”.

19.45: altri due operai sono stati trovati morti nel crollo dell’azienda Haematronic a Medolla. Il conto delle vittime sale a 16.

SEGUONO AGGIORNAMENTI

Oltre 2100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti