20 cose che non sapevi sulla gravità

Ecco per voi alcune piccole ed interessanti notizie relative alla più nota delle quattro interazioni maggiori della Fisica.

di Simona Vitale 24 luglio 2013 17:20

Cosa non sappiamo della più nota delle quattro forze fondamentali della Fisica? Scopriamo insieme alcune piccole curiosità che non sono a tutti note.

  1. Obi-Wan Kenobi, celebre personaggio di Star Wars, ha detto che la Forza“ci circonda e ci penetra e tiene insieme la galassia”. Può essere che stesse parlando della gravità. Le sue proprietà interessanti letteralmente legano insieme la galassia, ma la gravità ci penetra anche, si estende fisicamente attraverso di noi, ci tiene legati alla Terra.
  2. A differenza della forza elettro-magnetica, con i suoi lati chiari e scuri, la gravità non ha alcun dualismo, ma attrae solo, non respinge.
  3. La NASA sta cercando di sviluppare raggi traenti che potrebbe spostare gli oggetti fisici, la creazione di una forza attrattiva che rappresenterebbe una carta vincente.
  4. I passeggeri delle giostre dei parchi divertimenti e della Stazione Spaziale Internazionale sperimentano  la microgravità – erroneamente conosciuta come gravità zero – perché cadono alla stessa velocità dei veicoli.
  5. Qualcuno che pesa 68 chilogrammi sulla Terra peserebbe – se fosse possibile stare su Giove – 160 chilogrammi sul gigante gassoso enorme. Masse più grandi hanno una maggiore gravità.
  6. Per lasciarsi l’attrazione gravitazionale della Terra alle spalle, un oggetto dovrebbe percorrere sette miglia al secondo, velocità di fuga del nostro pianeta.
  7. La gravità è di gran lunga la più debole delle quattro forze fondamentali. Le altre tre sono: l’elettromagnetismo, la forza nucleare debole, che disciplina il modo di decadimento degli atomi, e la forza nucleare forte, che tiene insieme i nuclei atomici.
  8. Un magnete di dimensioni medie ha abbastanza forza elettromagnetica per superare tutta la gravità terrestre e attaccarsi al frigo.
  9. Una mela non ha colpito Isaac Newton alla testa, ma ha fatto si che lui si chiedesse se la forza che fa cadere le mele influenzasse anche il moto della Luna attorno alla Terra.
  10. La mela di Newton ha portato alla prima legge dell’inverso del quadrato della scienza, F = G * (mm) / r 2 . Cioè un oggetto due volte più lontano esercita un quarto della forza gravitazionale.
  11. La legge dell’inverso del quadrato della gravità significa anche la portata di attrazione gravitazionale è tecnicamente infinita.
  12. Un’altra definizione di gravità – che significa qualcosa di pesante o di grave- è originariamente provenuta dal latino gravis =”pesante”.
  13. La forza di gravità accelera tutto alla stessa velocità, indipendentemente dal peso. Se son caduto palline della stessa dimensione ma di pesi differenti da un tetto, esse colpiscono la terra nello stesso momento. Maggiore inerzia dell’oggetto più pesante annulla qualsiasi velocità che potrebbe avere sopra l’oggetto più leggero.
  14. La teoria generale della relatività di Einstein fu il primo studio a trattare la gravità come una distorsione dello spazio-tempo, il “tessuto” che incarna fisicamente l’universo.
  15. Qualsiasi cosa avente una massa distorce lo spazio-tempo circostante. Nel 2011, L’esperimento Gravity Probe B della NASA ha mostrato che la Terra dà uno strattone all’Universo circostante come una palla di legno di filatura in melassa, esattamente come Einstein aveva previsto.
  16.  Quando distorce lo spazio-tempo intorno ad esso, un oggetto massiccio talvolta reindirizza la luce che passa attraverso di esso, proprio come fa una lente di vetro. La lente gravitazionale può ingrandire efficacemente una galassia lontana o deformare la sua luce in una forma strana.
  17. Il “problema dei tre corpi”, determinando tutti i modelli di tre oggetti che orbitano tra loro, e che potrebbe essere influenzato solo dalla forza di gravità, ha lasciato perplessi i fisici per 300 anni. Finora hanno trovato solo 16 tipi di soluzioni – 13 di loro appena scoperte nello scorso mese di marzo.
  18.  Anche se le altre tre forze fondamentali ben quadrano con la meccanica quantistica – la scienza dell’infinitamente piccolo – la gravità è ostinatamente incompatibile con essa; le equazioni quantistiche non funzionano se cercano di comprendere la gravità. Come conciliare queste due descrizioni completamente accurate ma opposte dell’universo è una delle più grandi sfide della Fisica.
  19. Per capire meglio la gravità, gli scienziati sono alla ricerca di onde gravitazionali, increspature nello spazio-tempo che derivano da cose come i buchi neri che si scontrano e stelle che esplodono, secondo Ambra Stuver, un fisico del Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory della Louisiana (LIGO).
  20. Una volta che i ricercatori LIGO rileveranno correttamente le onde gravitazionali, essi saranno in grado di usarle per vedere il cosmo come mai prima.“Ogni volta che abbiamo guardato l’universo in modo nuovo” – Stuver ha dichiarato – “ha rivoluzionato la nostra comprensione dell’universo”.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti