Sindaco di Roma: è conto alla rovescia

Il programma di Michetti, tra scopiazzature e il nulla

di Redazione 13 Ottobre 2021 18:15

Manca ormai pochissimo al ballottaggio che deciderà il nuovo sindaco di Roma, ed è chiaro a tutti che governare la Capitale con i 400 milioni di debito ereditato dall’amministrazione Raggi e i tanti problemi da risolvere sarà compito arduo.

Solo che “il nostro Mister Wolf” – come lo presentò a suo tempo Giorgia Meloni, a suo dire per le capacità di “risolvere problemi” – non sembra incarnare la soluzione alle tante criticità della Città Eterna.

Infatti, dopo un periodo iniziale passato nel mistero più totale su quali fossero le sue proposte, ha davvero sorpreso quanto rivelato dall’inchiesta de Il Business – cioè, che il software antiplagio Turnitin avrebbe individuato punti di programma che risultano essere la copia esatta, sin anche nella punteggiatura, di quello di Gianni Alemanno per le elezioni comunali 2013, con aggiunte prese da Stefano Parisi e da Antinio Salvati, della Comunità di Sant’Egidio.

Più della mancanza di originalità, l’aspetto più preoccupante riguarda il contenuto – fatto dilunghe analisi ma soluzioni generiche, quasi da “lista dei desideri” e difficilmente applicabili all’attuale situazione sociale ed economica della Capitale. Ben 120 pagine di programma che oggettivamente convince poco mentre, secondo Fanpage, il candidato sembra essere più interessato ad appoggiare no vax e fascisti  che offrire progetti immediati e fattibili, come un buon Sindaco dovrebbe saper fare.

Il terzo lunedì di ottobre decreterà il nome del nuovo Primo cittadino: Gualtieri, ex Ministro dell’Economia e candidato del centrosinistra, dovrà confrontarsi con un programma del quale i romani nulla sanno e possono sapere, qualche battuta e magari il “saluto romano igienico”. Per il bene della Città, ci auguriamo che, chiunque venga eletto, abbia una visione e un metodo. Soprattutto, che sappia affrontare la gestione dei rifiuti , le buche sulle strade  o il traffico con meno pagine e più fatti.

Commenti