Trova un preservativo nei pomodori, viene risarcita

La donna ha avuto un risarcimento per i danni morali subiti, avendo anche dichiarato di aver vissuto l'esperienza peggiore della sua vita.

di Simona Vitale 28 giugno 2012 16:38

La ditta britannica Unilever è stata colpita con una multa da 4 mila dollari, dopo che una casalinga brasialiana, Cintia Mayerle, ha trovato un preservativo usato in un barattolo di concentrato di pomodoro. La donna e la sua famiglia avevano già consumato il pasto preparato con il pomodoro in scatola, quando Cintia ha scoperto il preservativo in gomma versando il pomodoro avanzato in un vasetto per conservarlo. La signora Mayerle, di Rio Grande do Sul, nel Brasile meridionale, ha preso la scatola di concentrato di pomodoro Knorr e l’ha consegnato all’università locale per far svolgere le opportune analisi del caso.

La donna ha riferito al giornale brasiliano Globo di aver vissuto l’esperienza più orribile della sua vita. “Penso che rimarrà nella mia memoria per un tempo molto lungo”. L’Unilever è stata fondata in Inghilterra nel 1890 ed è uno dei principali produttori mondiali di beni di consumo, con marchi tra i quali figurano Knorr, Bertolli, Wall, Algida e Flora.

La società  ha sostenuto davanti alla Corte Suprema del Brasile che non era possibile che la donna avesse trovato un preservativo nel barattolo di pomodoro, perché i processi di produzione sono completamente automatizzati. Tuttavia, il tribunale si è pronunciato a favore della signora Mayerle, che ha avuto un risarcimento per i danni subiti di circa 1400 euro.

31 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti