Testato l’aereo ipersonico X-51A: New York-Londra in un’ora

L'esperimento è avvenuto martedì scorso, quando il primo velivolo ipersonico è rimasto in volo per 15 secondi.

di Elena Arrisico 17 agosto 2012 20:05

Il primo aereo ipersonico non ha passato il suo primo test: il velivolo militare, chiamato “X-51A Waverider“, è precipitato in mare dopo appena 15 secondi. L’esperimento consisteva nel raggiungere la velocità di oltre 7 mila kmh e nel rimanere in volo per circa 5 minuti, ma l’aereo lungo 6 metri non ce l’ha fatta.

Il velivolo ipersonico era stato lanciato, martedì scorso, da un bombardiere B-52 dell’aeronautica USA, al largo delle coste della California. Progettato per sfondare sei volte la velocità del suono, X-51A Waverider avrebbe potuto raggiungere Londra, da New York, in meno di un’ora soltanto.

Secondo le prime informazioni, il velivolo ha avuto un guasto ad una delle alette di controllo e, per questo motivo, il reattore non si è neanche acceso. Il bombardiere che l’ha lanciato aveva raggiunto l’altezza di 15 mila metri e, al momento di sganciarsi, l’aereo ha subito perso il controllo ed è precipitato in mare: “Un problema di sottosistema ha fatto si che l’esperimento terminasse ancora prima che ci fosse l’avviamento. Tutti i nostri dati mostravano che c’erano le condizioni adatte ed eravamo tutti fiduciosi che avremmo raggiunto l’obiettivo“, ha spiegato uno dei tecnici dell’Aeronautica Militare americana.

Non è la prima volta che si è tentato di far volare il Waverider: già nel 2010, infatti, vi fu il primo volo ad una velocità di oltre 5600 kmh ma, dopo 143 secondi, un malfunzionamento causò il fallimento del test e, nel 2011, vi fu un secondo esperimento che ebbe lo stesso esito. Adesso, non si sa quando si potrà ripetere per la quarta volta il test, che è costato 140 milioni di dollari. Il programma, inoltre, prevede che ogni aereo testato si distrugga alla fine di ogni volo, in modo tale che non vi siano ulteriori costi per il recupero.

93 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti