Terry Jones, pena di morte per il reverendo: bruciò il Corano

Pena capitale anche per sei imputati copti, rei di aver prodotto il film L'innocenza di Maometto che aveva scatenato le proteste del mondo islamico.

di Simona Vitale 29 novembre 2012 15:10

Il reverendo americano Terry Jones è stato condannato a morte dai giudici dall’Alta corte per la sicurezza centrale egiziana. Il reverendo è noto per avere bruciato in passato copie del Corano, il libro sacro della religione musulmana. Non solo. La Corte, infatti, ha anche chiesto la pena di morte per i sei imputati copti, che risiedono tutti negli Stati Uniti, i quali sono accusati di avere prodotto il film anti-islam “L’innocenza di Maometto”. La Corte ha chiesto al Gran Mufti (Suprema autorità giuridica islamica sunnita) l’autorizzazione per la condanna, così com’è previsto dalle legge egiziana.

Un altro egiziano copto emigrato negli Usa è stato condannato, invece, a ben 25 anni di reclusione per il film che, nello scorso mese di settembre, aveva scatenato le indignate proteste del mondo islamico.

10 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti