Sepolta viva, muore asfissiata poco dopo il suo funerale

Un terribile errore ha fatto sì che una donna fosse sepolta viva e morisse all'interno della bara nella quale era stata rinchiusa.

di Simona Vitale 26 settembre 2014 14:11

Una donna greca di 45 anni, dichiarata morta, è deceduta a causa dell’asfissia all’interno della bara nella quale era stata chiusa al termine del suo funerale. La donna, secondo quanto hanno dichiarato i suoi parenti, è stata seppellita viva per sbaglio. La polizia di Salonicco, città dove ha avuto luogo il macabro episodio, è deceduta per asfissia nella bara in cui era stata chiusa al termine del funerale. La donna, stando a quanto sostengono i suoi parenti, era in cura presso una clinica privata della città.

I medici che l’avevano in cura hanno avvertito i parenti dell’avvenuto decesso della paziente e i membri della famiglia hanno poi provveduto a traslare la salma nella località di Peraia, nel cimitero dove poi la donna è stata effettivamente sepolta. I parenti sono andati via, ma più tardi un addetto del cimitero ha udito delle grida di aiuto provenire dalla tomba chiusa pochi minuti prima. La polizia, chiamata sul posto, ha fatto esumare la salma, sebbene ormai fosse troppo tardi: la donna era morta. Una prima ricostruzione dei fatti ha messo in evidenza che la donna era entrata in uno stato di morte apparente e quando si è risvegliata è deceduta per mancanza di ossigeno. Si attendono ora i risultati dell’autopsia.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti