Come scegliere il casco da moto

Il dubbio di come scegliere il casco da moto assale tutti i motociclisti almeno una volta nella vita in particolare se poco esperti.

di Mario Vitelli 31 luglio 2017 16:20

Che il casco sia un elemento di fondamentale importanza per viaggiare su due ruote non è certo un segreto, ecco perché è necessario saper scegliere quello giusto che si vada a legare perfettamente con le nostre esigenze e caratteristiche fisiche.

La prima cosa da sapere prima di fare una scelta è che esistono diversi tipi di casco, tutto dipende dall’uso che ne si fa. Il casco jet è aperto, leggero, consigliato per moto di bassa cilindrata e per tratti in città o comunque non lunghi. Il casco integrale invece si suddivide in due categorie che sono la racing (come si può intuire dal nome è utilizzata da chi corre su pista) e la non racing per chi corre su strada, il motociclista più frequente. I non racing sono più economici, ma più pesanti degli altri pensati per la pista quindi con criteri ben precisi e maggiore lavorazione dietro.

Un’altra tipologia scelta da molti è il casco modulare che può essere considerato una via di mezzo tra il jet e l’integrale perché copre e protegge totalmente la testa, ma si può aprire all’altezza del mento. Un casco che rappresenta il giusto compromesso tra sicurezza e comodità se non si percorrono tratti molto lunghi ad alte velocità.

Il cross-enduro è un tipo di casco da moto che ha una protezione maggiore alla mascella ed è pensato per chi affronta strade in condizione estreme, ecco perché non è chiaramente uno dei più scelti.

Una volta chiaro quale sia il modello di cui si necessita (e questo dipende dal tipo di motociclisti che siamo) si passa alla taglia, anche questa dettaglio di fondamentale importanza per la sicurezza sul manto stradale. La misura giusta si prende dalla circonferenza all’altezza delle tempie, si può utilizzare un metro di quelli da sarto, basterà per essere precisi. Mai scegliere un casco troppo grande o troppo piccolo rispetto alla nostra taglia perché ciò comporterebbe seri danni durante un’eventuale caduta. Indipendentemente dalla taglia è sempre necessario misurarne il più possibile perché il modo in cui calza dipende anche dal materiale che è stato utilizzato per l’imbottitura e dalla calotta, la superficie più dura che si trova all’esterno del casco che ha la funzione di attutire l’impatto.

Da non sottovalutare il colore del casco per la moto. Più sarà visibile anche di notte e in condizioni di poca luce, più sarà sicuro e semplice da riconoscere sulla strada. Il consiglio è quello di non pensare esclusivamente alle mode, ma di pensare soltanto alla sicurezza e alla comodità.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti