Leonardo.it
IsayBlog

Ryanair in difficoltà, tre mayday in un giorno

La politica di risparmio di Ryanair imporrebbe rifornimenti dei velivoli con il minimo di carburante, riducendo la cosiddetta scorta di emergenza.

di Simona Vitale 14 agosto 2012 11:24
A snow plough drives past Monarch and Ry

Pare non sia un buon momento per le compagnie di bandiera low-cost. Dopo il fallimento della compagnia a basso costo siciliana Wind-Jet, un’altra società di voli a basso costo ritorna a far parlare di sé. Parliamo della Ryanair che da sempre è sotto l’occhio del ciclone per le sue trovate strambe e inusuali, come quella di rappezzare un finestrino rotto con dello scotch. Ora, però, pare che le cose siano diventate ancora più serie. Infatti, tre voli diretti a Valencia sono stati costretti a ciamare il “mayday” poiché avevano quasi finito il carburante. L’inconveniente si è verificato due settimane fa e ha coinvolto ben tre aerei di linea della compagnia: solo ora, però, la stampa irlandese ha iniziato a riportare l’accaduto. Tutti e tre i velivoli, secondo quanto riportato dall’Independent, erano diretti a Madrid, deviati, poi, a Valencia per le avverse condizioni climatiche che avevano colpito la capitale spagnola. Il maltempo, però, non era la causa principale della deviazione: il problema reale, infatti, pare sia stato la mancanza di carburante nei serbatoi.

A causa del disguido, tutti gli aerei che sarebbero dovuti atterrare a Valencia, avrebbero dato la precedenza ai voli della compagnia aerea irlandese. Come ha spiegato Stephen McNamara della Ryanar al Sunday Independent, “A causa dei temporali su Madrid in data 26 luglio, l’Air traffic control spagnolo ci ha ordinato di deviare su Valencia. Dopo poco tempo gli aerei hanno avvisato l’Atc che non avrebbero avuto sufficiente carburante per tornare su Madrid e hanno avuto il permesso di atterrare a Valencia. Tutti gli aeromobili sono atterrati normalmente, ci scusiamo con i passeggeri colpiti da queste deviazioni, dovute a condizioni climatiche avverse”.

In realtà, secondo quanto riportato dal giornale in questione, a bordo si sarebbe svolta una situazione nettamente diversa. Sono state ascoltate delle registrazioni, nelle quali il pilota Ryanair e l’Atc di Valencia avrebbero parlato proprio di “mayday“, ossia di aiuto urgente al velivolo, ormai a corto di carburante. La stessa situazione si sarebbe verificata, tre minuti dopo, anche per un altro aereo della Ryanair, per il quale sarebbe stato inviata la richiesta d’aiuto. Un portavoce della compagnia low-cost ha confermato che lo stesso annuncio è stato fatto anche da un altro apparecchio.


Oltre 200 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti