Leonardo.it
IsayBlog

Quadro di Salvador Dalì rubato a New York: caccia al ladro

L'autore del furto dovrebbe essere un uomo sui 30-35 anni che si è finto un critico d'arte e aveva chiesto alle guardie di scattare una foto al dipinto.

di Simona Vitale 23 giugno 2012 10:55
Salvador Dalì

Incredibile furto d’arte degno dei migliori film d’azione quello accaduto a New York dove un finto critico d’arte ha rubato un quadro dipinto dal celebre artista spagnolo Salvador Dalì. Il quadro rubato si chiama Cartel des Don Juan Tenorio, il suo valore di mercato è di circa 150 mila euro e avrebbe dovuto rappresentare il pezzo forte della collezione di una nuova galleria aperta a Manhattan.

La galleria in questione è la Venus Over Manhattan, situata in Madison Avenue. Nel giorno dell’inaugurazione sono tantissime le persone presenti; tra queste, anche un uomo sui 30-35 anni vestito in camicia bianca e nera e leggermente stempiato, che probabilmente è un ospite o un critico d’arte giunto in galleria in veste ufficiale. L’uomo, avvicinatosi al quadro di Dalì, ha chiesto ad una delle guardie di poter scattare una foto al dipinto. Ha così aspettato che sia la guardia che altre persone si allontanassero dal quadro, l’ha rimosso dal muro e l’ha messo in un borsone nero per poi fuggire in ascensore. Il tutto senza che nessuno si accorgesse minimamente dell’accaduto.

La polizia di New York è ora alla disperata ricerca del novello Arsenio Lupin, cercando di identificare l’uomo con le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza della galleria, nel tentativo di riportare il Dalì al suo posto prima di finire nel mercato della ricettazione o di essere comunque venduto a qualche milionario privato che lo appenderà nel salotto della sua grande casa.

Ricordiamo che questo furto segue un altro episodio accaduto ad Houston qualche giorno fa e che ha visto il deturpamento di un quadro di un altro grande artista spagnolo. Parliamo di Donna su poltrona rossa del grande Pablo Picasso, oggetto di sfregio da parte di un giovane che ha imbrattato il quadro scrivendo su di esso “Conquista”, in un inbarazzante tentativo di omaggiare il grande artista spagnolo.

3 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti