Pubblicò le foto della sua ex nuda su Facebook, condannato

Il giovane è stato condannato a 6 mesi di arresti domiciliari, ma la strada per tutelare le vittime dalla violazione della privacy è ancora lunga.

di Simona Vitale 25 aprile 2012 10:48

Quando ha pubblicato le foto nude della sua ex-fidanzata su Facebook tre mesi dopo la loro separazione, Ravshan ”Ronnie” Usmanov, 20 anni, probabilmente non pensava “Hey, questo è il mio biglietto di ingresso per 6 mesi in carcere per una prima condanna del genere nella storia dell’Australia”. Un simile pensiero probabilmente non stava attraversando nemmeno la sua ex fidanzata quando, durante il periodo più felice della loro relazione, ha posato per le foto nude: “Hey, questo è il mio biglietto per l’umiliazione su Facebook”. Ma per entrambi, questo è esattamente quello che è successo. Secondo quanto riportato dal Sydney Morning Herald: le sei immagini, secondo i documenti del tribunale, hanno chiaramente mostrato la sua ex fidanzata ”nuda in certe posizioni ed esponendo chiaramente i suoi seni e i suoi genitali”.

Poco dopo la pubblicazione delle foto sulla sua pagina Facebook nell’ottobre dello scorso anno, Usmanov aveva inviato alla ragazza il messaggio: ‘‘Alcune delle tue foto sono su Facebook”. Il loro rapporto era finito da circa 3 mesi e non vivevano più insieme. La donna, che il Sun-Herald ha scelto di non identificare, corse da Usmanov presso Pyrmont, chiedendo indietro le foto. Quando lui ha rifiutato, la ragazza ha chiamato la polizia.
L’avvocato di Usmanov ha dichiarato che il crimine del suo cliente non era un “reato grave”, definizione non certo condivisa da condanna dal magistrato Jane Mottley. ”Cosa potrebbe esserci di più grave di pubblicare fotografie nude di una donna su Internet, cosa c’è di più serio?” ha dichiarato il magistrato. Descrivendo come una simile decimazione della reputazione sia comune nell’era di Internet, Mottley ha spiegato, ”Cosa diversa è pubblicare un articolo in forma di stampa con tiratura limitata, che può sicuramente influenzare la gravità oggettiva del reato, ma una volta che va sul World Wide Web tramite Facebook, significa che effettivamente è aperto a chiunque abbia qualche legame in qualche modo, sebbene a distanza”.

I siti web statunitensi sono per così dire protetti ” sul filo del rasoio” della legalità dal Communications Decency Act del 1996, che limita la responsabilità sociale dei siti web dei media contro i contenuti inseriti dagli utenti esterni. Le vittime statunitensi di tale “vendetta porno” non hanno alcun potere legale contro i siti di hosting. Inoltre, poiché il copyright appartiene all’autore del video, che è difficile da dimostrare, la maggior parte delle vittime non può che portare avanti i diritti di privacy a seconda delle leggi del loro stato, senza alcuna possibilità di una condanna per il carnefice.

Anche in Australia, che ha una regolamentazione di Internet molto più severi e le leggi che gli Stati Uniti, rendere giustizia alle persone violate non è facile. Usmanov è stato dichiarato colpevole di aver pubblicato un articolo indecente, ma il suo appello di sei mesi agli arresti domiciliari non rende molto soddisfatti. Alcuni sostenitori della privacy in Australia non sono contenti infatti di quello che diventerà un precedente. ”In un certo senso questa è la punta dell’iceberg”, dice David Vaile, il direttore esecutivo della legge cyberspazio e del centro politico presso l’Università del New South Wales, aggiungendo: ”Ci sono pochissime condanne contro le molestie e le pubblicazioni indecenti.  Non è considerato allo stesso modo, per esempio, irrompere nel sito web di una banca”.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti