Partecipate pubbliche, arrivano le nomine del Tesoro

Conferme e poche novità nelle nomine del Mef delle partecipate.

di fabiana 18 marzo 2017 15:00
eni nomine mef

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, arrivano le nomine ufficiali, fra conferme e qualche novità, ma di fatto ai vertici delle partecipate statali, Enav, Enel, Eni, Leonardo, Poste Italiane:  sembrano esserci sempre gli stessi nomi.

Il Ministero dell’Economia ha annunciato le liste che verranno depositate per il rinnovo dei consigli delle partecipate i cui vertici saranno nominati dalle assemblee di approvazione dei bilanci 2016. 

Il cambio al vertice più vistoso si registra per Leonardo (ex Finmeccanica) (partecipata al 30,2%) che nel prossimo triennio sarà guidato dall’ex banchiere Alessandro Profumo che sostituisce Mauro Moretti nel ruolo di a.d. Giovanni De Gennaro, resta presidente al secondo mandato.

Aria di novità alle Poste Italiane (partecipata al 29,3% e – attraverso Cdp – con un ulteriore 35%) con l’arrivo di Bianca Maria Farina (dove era stata fino al  2007 direttore generale) che sostituisce la presidente Luisa Todini e Matteo Del Fante (proveniente da Terna) che prende invece il posto dell’a.d. Francesco Caio.

Conferme assolute invece in Eni partecipata al 4,3% tramite Cdp e direttamente per il 25,76%) con la coppia Emma Marcegaglia presidente e Claudio Descalzi come a.d e in Enel (partecipata al 23,6%) con Patrizia Grieco presidente (è anche consigliera di Save The Children) e Francesco Starace a.d., da 17 anni in azienda.

In Enav (partecipata al 53,4%) è stata confermata l’ad Roberta Neri, sarà invece Roberto Scaramella il neo presidente dopo Ferdinando Falco Beccalli.

Le assemblee di approvazione di apriranno con Eni il 13 aprile e di finirà con Leonardo nella prima metà di maggio.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti