Orrore canile di Noha, cani a cui furono recise corde vocali (VIDEO)

Sono rimasti 13 cani sfortunati nel canile di Noha. Urgono adozioni, anche a distanza. Tristi le condizioni in cui vivono secondo il video dei volontari.

di Giorgia Martino 15 marzo 2013 10:20

Il canile di Noha, frazione di Galatina (Lecce), è tristemente conosciuto da anni per la crudeltà con cui sono stati trattati i suoi piccoli ospiti. Nel 2000, infatti, per “evitare l’inquinamento acustico”, gran parte degli ospiti del canile fu trattata in modo indegno e orribile: furono infatti recise le loro corde vocali con un elettrobisturi. Questo vuol dire che, quando i cani tentavano di abbaiare, dalla loro bocca non usciva alcun suono.

Il canile non ha più i 200 ospiti che erano presenti al momento della feroce operazione, ed è ancora sotto sequestro.

Il caso all’epoca fece molto scalpore, e nel 2001 il titolare del canile, come affermava Geapress in un articolo del 2010, “fu destinatario di un decreto penale di condanna per maltrattamento di animali. A quella data c’era solo l’articolo 727CP che puniva il maltrattamento di animali, niente carcere e multe irrisorie“.

Tuttavia restano lì ancora 13 cani, angeli senza colpe, molti dei quali sono anziani e non hanno mai visto qualcosa di neanche lontanamente assimilabile al concetto di ‘vita’. Infatti si legge dal video realizzato dai volontari che gli ultimi 13 superstiti non escono mai dalla loro cella buia e non vi sono aree di sgambamento, e che non sono ammessi nella struttura volontari e veterinari. Inoltre, ricorda il video, non hanno più voce per l’abuso subito alle corde vocali, continuando così ogni giorno a vivere l’atroce tragedia a cui sono stati sottoposti anni fa.

Per questo motivo le volontarie lanciano un disperato appello per l’adozione di queste 13 vite innocenti. Affermano infatti:

I cani, vittime delle atrocità umane, meritano un riscatto. Sarebbe dunque un’adozione del cuore, un modo per dimostrare ancor di più il proprio amore per gli animali.

Nel caso in cui qualcuno di voi volesse fare qualcosa per questi cani ma non può adottarne uno, può rendersi comunque utile e diventare una mamma e un papà a distanza: si possono infatti tirare fuori di lì i cani che versano in condizioni disperate e che non possono attendere ancora, e li si affida a cure veterinarie e a pensioni confortevoli, in attesa che il piccolo in questione venga adottato definitivamente. Il progetto che organizza queste adozioni a distanza si chiama P.A.C.A.V. (Progetto Aiuta un Cane A Vivere) e chiede un impegno minimo mensile di 5 euro a un massimo deciso dalle possibilità di chi offre il proprio aiuto, protratto fino ad adozione del cane in difficoltà. L’Associazione P.A.C.A.V. ha anche una pagina Facebook che si può visitare cliccando qui. Gli adottanti a distanza, entrando in contatto con P.A.C.A.V. su Facebook, potranno avere notizie sui ‘figlioletti pelosi adottivi’ con notizie, eventuali referti medici e fotografie. Avranno inoltre un certificato di adozione a distanza.

Dal 2013 l’Associazione P.A.C.A.V. è ufficialmente Onlus, quindi le donazioni sono deducibili dalle tasse.

Per info su come donare, cliccate qui, e noterete che è possibile sia con Postepay che con Bonifico Bancario che con Paypal.

Gli angeli rimasti nel canile di Noha li potete vedere in questo video che alleghiamo all’articolo e che è visionabile anche su Youtube a questo link. Eccolo anche qui su Attualissimo. I volontari di P.A.C.A.V. affermano che il video è stato girato alcune settimane fa, quando i cani erano ancora 39.

Per chiedere info alle volontarie che hanno realizzato questo video, si può scrivere ai seguenti indirizzi e-mail: [email protected]; [email protected]; [email protected]

Nel video, inoltre, si trovano anche i numeri telefonici di riferimento dei volontari in questione. A ognuno di questi riferimenti è possibile chiedere info sia per le adozioni in famiglia che a distanza. Buona fortuna ai piccoli e ai loro nuovi amici di buon cuore!

Orrore canile di Noha, cani a cui furono recise corde vocali (VIDEO)

Oltre 300 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!