Leonardo.it
IsayBlog

Ordinano delle aragoste e le liberano in mare

La coppia di turisti, in vacanza in Italia, ha deciso di salvare alcune aragoste dall'essere bollite vive, restituendo loro la libertà.

di Elena Arrisico 3 luglio 2012 12:27
Aragosta in mare

Una coppia di turisti tedeschi, in vacanza in Sardegna sulla Costa Smeralda, ha ordinato delle aragoste da 500 euro per poterle liberare in mare.

Marito e moglie stavano, infatti, cenando al “Mama Latina“, a Cala di Volpe – una località nei pressi di Porto Cervo – quando i due coniugi si sono accorti di alcune aragoste esposte nella vetrina del ristorante. Così, la donna ha proposto al marito di acquistarle per poterle liberare nuovamente in mare e restituire loro la libertà. Non tutti, forse, sanno che le aragoste vengono gettate vive in pentola e che la morte sopraggiunge per bollitura.

La coppia ha così deciso – avendone la possibilità – di acquistarle e lasciarle libere in mare. Il titolare del ristorante ha cercato di far cambiare idea ai coniugi, invano. I turisti, intenzionati a salvare le aragoste dall’essere bollite vive, hanno pagato la cifra di 500 euro, le hanno poi sistemate in un apposito contenitore per il trasporto e le hanno liberate nel loro habitat naturale: il mare.

100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti