Ora legale, i cibi per contrastare insonnia e ansia

I consigli della Coldiretti sui cibi da consumare e da evitare per contrastare gli effetti collaterali del nuovo orario.

di fabiana 26 marzo 2017 17:00

Un’ora di luce di più, un discreto risparmio sulla bolletta, ma anche un’ora di sonno di meno: sono circa 12 milioni gli italiani alle prese con gli effetti collaterali dell’arrivo dell’ora legale in vigore dall’ultima settimana di marzo fino all’ultima settimana di ottobre.

Insonnia e irritabilità, ansia, nervosismo, malumore, mal di testa e tensione muscolare nonché sbalzi di umore sono fra gli effetti indesiderati più comuni di circa 12 milioni di italiani che, costretti a spostare le lancette dell’orologio un’ora avanti, si trovano a dover riadattare il proprio ritmo al nuovo orario. Ci vorrà qualche giorno prima di potersi adeguare al nuovo orario, ma intanto dalla Coldiretti arriva qualche suggerimento sui cibi giusti da consumare in tavola per poter favorire il sonno e aiutare l’organismo a rilassarsi. 

Cibi consigliati: via libera a pane, pasta e riso, ma anche verdure come lattuga, radicchio. Consigliati anche aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte caldo e frutta dolce. Si tratta di una serie di alimenti che aiutano a rilassarci e favoriscono il sonno.

Conciliano il sonno anche la zucca, le rape e i cavoli senza dimenticare gli effetti rilassanti di un dolcetto o di infusi e tisane dolcificati con miele.

Cibi sconsigliati: vietati invece curry, pepe, paprika e sale in abbondanza oltre che salatini, alimenti in scatola e minestre con dado da cucina. Tutti alimenti che rendono difficile rilassarsi e prendere sonno.

Assolutamente sconsigliati in generale cibi pesanti o con sostanze eccitanti soprattutto la sera che potrebbero compromettere il riposo.

E per contrastare il jet lag causato dall’arrivo dell’ora legale è bene astenersi da alimenti  come cioccolato, cacao, the e caffè (per la presenza di caffeina), superalcolici e cibi troppo salati.

photo credits | thinkstock

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti