Governo e cittadini insieme per la nuova Costituzione

E’ il momento di “Dare voce al proprio pensiero”, per il bene di tutti.

di piero81 17 settembre 2013 20:07

Per una volta il mio pensiero conta. E conta molto. Compilando i due questionari, uno breve e uno di approfondimento, sul sito www.partecipa.gov.it, ho la possibilità di contribuire alla Riforma della Costituzione Italiana. Un atto che oltre ad essere un diritto è anche un dovere.

A sviluppare l’iniziativa è il Consiglio dei Ministri, che sta cercando in tutti i modi di coinvolgere attivamente i cittadini nella vita politica del Paese. Quando sono venuto a sapere dell’iniziativa sono rimasto stupito e ho cercato di saperne di più visitando i canali sui social network dedicati alla stessa (www.facebook.com/Partecipagov, www.twitter.com/partecipagov, www.youtube.com/partecipagov, www.partecipa.gov.it).

Mi sono reso conto di avere a disposizione uno strumento che mi consente di offrire un supporto valido alla riforma del Testo sul quale si basano i fondamenti della Repubblica Italiana. Per farlo c’è tempo fino all’8 ottobre. Basta cliccare sul sito, compilare i due questionari, e il gioco è fatto. Per i più esperti c’è anche l’opportunità di partecipare alle discussioni pubbliche. Saranno infatti organizzati dibattiti negli atenei universitari, negli istituti scolastici, nelle scuole, negli uffici postali e nei centri anziani.

Lo spot del Governo, insomma, parla chiaro. E’ il momento di “Dare voce al proprio pensiero”, per il bene di tutti. In ballo c’è anche il futuro dell’Italia stessa, non solo la stesura di un Testo di siffatta importanza. Ecco perché la diffusione capillare su tutto il territorio di quest’iniziativa si configura come un toccasana per diffondere la conoscenza di temi basilari. Temi riguardanti le forme di Governo e Parlamento, la Democrazia, il Territorio.

Quella in corso è, inoltre, un’ottima occasione per saperne di più e per diventare dunque esperti in materia. È infatti a disposizione il call center della Pubblica Amministrazione. Si chiama Linea Amica, ed offre assistenza ai cittadini sulle questioni tecniche legate al sito, nonché sugli obiettivi della consultazione.

 

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti