New York, esplode centrale elettrica e si teme per centrale nucleare

Edifici in fiamme e nuove zone a rischio allagamento, mentre il bilancio provvisorio dei morti è salito a 16. Ecco gli ultimi aggiornamenti sulla situazione.

di Elena Arrisico 30 ottobre 2012 13:20

L’uragano Sandy non è più classificabile come uragano, in quanto ha diminuito la propria intensità dopo 20 ore di nubifragio che hanno lasciato la City sommersa da 4 metri di acqua. Le acque si stanno ritirando, ma l’allerta resta anche adesso che si parla di tempesta post-tropicale.

Una centrale elettrica è esplosa, provocando parecchia paura a Manhattan: oltre 6 milioni di persone sono, quindi, completamente al buio. La centrale elettrica in questione è della Con Edison e ha causato un blackout che non ha precedenti; l’azienda, inoltre, ha dato notizia su Twitter che non vi sono operai sepolti sotto le macerie. Adesso, però, la paura maggiore è per un’altra centrale, ma stavolta nucleare: si teme, infatti, per la centrale nucleare di Oyster Creek – a 40 chilometri da Atlantic City, in New Jersey – che è attualmente allagata, ma sotto osservazione. In fiamme anche 15 edifici nel Queens – zona, fortunatamente, evacuata – a causa di cortocircuiti.

La metropolitana di New York è allagata e, naturalmente, tutti i trasporti sono ancora fermi. Il bilancio provvisorio dei morti è salito a 16, molti dei quali per infarto; mentre una persona di 30 anni ha perso la vita nel Queens, dove è stata schiacciata da un albero.

L’attuale presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, sta cercando di fare il possibile – ha dichiarato lo stato di catastrofe maggiore per New York – e, ieri, il New York Times ha criticato lo sfidante repubblicano nelle elezioni presidenziali: Mitt Romney, accusato di voler tagliare fondi alla Protezione Civile.

Proprio la Protezione Civile sta lavorando velocemente e prevede almeno 10 giorni per liberare dall’acqua e dai detriti i 7 tunnel della metropolitana newyorchese. Il sindaco della Big Apple, Michael Bloomberg, ha assicurato che il peggio è passato, ma ammette che “la città sta risentendo pienamente dell’impatto” dell’uragano. Ad ogni modo, è previsto un ulteriore aumento della marea nelle prossime ore e nuove zone potrebbero trovarsi sommerse dall’acqua.

8 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti