Leonardo.it
IsayBlog

Nella psiche di uno stupratore seriale: la storia di Aaron Thomas

Accusato di aver aggredito 17 donne rischia ora di essere condannato a diversi ergastoli. L'uomo ha raccontato la sua vita durante un'intervista telefonica.

di Simona Vitale 12 novembre 2012 16:42
Aaron Thomas

La storia di Aaron Thomas sembra davvero essere uscita da un buon thriller statunitense o da un episodio di Criminal Minds. Quel che sembra certo è che, in ogni caso, potrebbe eventualmente costituirne un’ottima sceneggiatura. Thomas ha dichiarato che non crede di essere pazzo, ma di sapere che qualcosa  non va in lui. “L’ho fatto così tante volte che non mi ricordo”, ha detto nel corso di un’intervista telefonica al Washington Post, aggiungendo che il tutto si fonde insieme nella memoria. Thomas, 40 anni, si è dichiarato colpevole  questo mese dell’aggressione sessuale di 3 giovani donne avvenuta nell’Halloween del 2009 a Prince William County e di uno stupro a Loudoun County nel 2001. Rischia di essere condannato a diversi ergastoli.

Thomas è il figlio di un ufficiale di polizia di Washington, dalla violenza facile, che nel tempo si è poi suicidato. I membri della famiglia di Thomas, hanno descritto quella dell’uomo come un’infanzia travagliata, comprendente anche un soggiorno di due settimane in una struttura psichiatrica a Georgetown dopo aver dato alle fiamme i capelli di una ragazza. In seguito ha trascorso i primi tre anni di scuola superiore in un centro di trattamento superiore Marlboro. Michael Battle, fratello maggiore di Thomas, ha detto che il loro padre imponeva una disciplina particolarmente rigorosa.

“Aaron era un bambino divertente. Ha sempre voluto farmi ridere”, ha detto la madre, Shirley Thomas. In prima elementare, ha iniziato a recitare. Per me era solo Aaron. Era un bambino diverso. Avrebbe voluto recitare, era ribelle. Non si chinava al volere del padre”. Thomas è stato arrestato in Connecticut nel marzo 2011, dopo un grande sforzo fatto per catturare l’uomo ritenuto responsabile di stupri e attacchi su 17 donne dal 1997 al 2009 in Maryland, Virginia, Connecticut e Rhode Island. Thomas è stato arrestato dopo che la polizia ha ricevuto una soffiata e ha ottenuto un campione del suo DNA da un mozzicone di sigaretta scartato.

L’uomo ha ammesso tuttavia che gli stupri sono iniziati nei primi anni ’90 quando viveva in un negozio di animali incendiato a Forestville dopo essere stato cacciato di casa da suo padre. “Ero seduto in un edificio semplicemente a non fare nulla”, ha detto Thomas, aggiungendo poi che il suo cuore ha cominciato a battere forte e ha deciso di uscire. “Mi son detto: ma chi se ne frega?”

Thomas ha detto di aver visto una prostituta camminare per strada, di aver ottenuto la sua attenzione, di averla portata nei boschi e di averla stuprata. Ha anche aggiunto di non credere che tale stupro sia mai stato denunciato. “Mi sentivo come un animale, ma non mi interessa”, ha detto Thomas. Thomas ha poi aggiunto di essere tornato al negozio, di essere andato a dormire e che, quando si svegliò la mattina dopo, si sentì, triste, spaventato e pieno di vergogna, un sentimento che lo ha accompagnato dopo ogni attacco.

Gli investigatori dicono solo che Thomas conosce la piena portata delle sue aggressioni, e lui ammette di non ricordare i volti delle sue vittime, ma di avere solo un senso confuso degli eventi, dicendo che “non pensava” nulla mentre compiva tutto ciò. Lungo la strada della sua vita, Thomas ha anche detto che ha avuto anche rapporti seri con due donne. Jewell Hicks, che viveva con Thomas, ha detto che la loro relazione era tumultuosa. Lo stupratore era iperprotettivo e aveva un desiderio sessuale quasi insaziabile. Più volte quando era in grado di respingere le sue insistenze, si alzava e usciva per ore, secondo i racconti della donna.

Il figlio di Jewell Hicks, Jorell Cruz, ha detto di ricordare che Thomas li lasciava a tarda notte e poi ritornava dopo ore. Ha poi aggiunto: Pensavo che mia madre gli stesse dando un po’ di spazio, ma chi sa cosa stava facendo là fuori.” Ora lo sappiamo. Sembra che quando la polizia lo abbia finalmente arrestato la notte di Halloween, in Virginia, nel 2009, dopo aver stuprato 3 ragazzine, abbia detto ai poliziotti: “Perché ci avete messo così tanto a prendermi? È stato proprio un sollievo.”

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!